IT   EN

Ultimi tweet

Stramaccioni: "Orgoglioso di questo club". Verso Inter-Bologna

Inter

La partita con il Bologna e un compleanno, speciale, da festeggiare. È quello dell'Inter che compie oggi 105 anni. Si parte da questo con Andrea Stramaccioni nella conferenza stampa alla vigilia della 28a giornata della serie A TIM.

"È un orgoglio incredibile, per me allenare questo club è un sogno - spiega l'allenatore nerazzurro -. Ieri ho visto la vicinanza dei tifosi, ci ha dato una grande gioia e una grande spinta, penso che tutti abbiano capito il momento e come una grande tifoseria ci sono vicini. Questo 105esimo anniversario è un motivo d'orgoglio, sentire i tifosi vicini è importante".

In vista della partita di domani contro il Bologna, Stramaccioni recupera "calciatori come Kuzmanovic, Rocchi, Stankovic, Schelotto che porteranno energie fresche" e spiega: "Metterò in campo i calciatori più freschi perché tatticamente e tecnicamente sarà un test difficile e impegnativo. Rivedrò Alvarez e Ranocchia soltanto oggi, abbiamo svolto un lavoro rigenerante. Ricky sta crescendo, poteva segnare a Tottenham e tutto poteva cambiare. Ricardo è fondamentale per questo nostro nuovo modulo. Ranocchia adesso vediamo, ho tre difensori e vedremo chi giocherà. Diamanti compatibile con il modulo dell'Inter? È un calciatore completo che può giocare dietro le punte ma anche nel 4-3-3, ha un tiro pazzesco che fa sì che in questo momento sia uno dei migliori calciatori a livello italiano".

Inevitabile ripensare poi a quello che è stato, alla sconfitta subita in Europa League dal Tottenham, e a quello che potrà essere il prossimo giovedì al Meazza: "Faremo di tutto per ribaltare il risultato, questo è certo. La sensazione andando via da Londra è che il Tottenham era nel suo miglior momento noi invece non eravamo al top. Rimango dell'idea che non ci siano tre gol di differenza, metteremo tutto in campo per ribaltare il risultato nonostante sia difficilissimo. La partita che ci aspetta domani è importante, pensiamo a quella. Brucia tanto ma giriamo pagina e pensiamo al Bologna".