IT   EN

Ultimi tweet

PAPILLOMAVIRUS: TEST HPV PER VALUTARE LA NUOVA STRATEGIA DI SCREENING

Dopo l’introduzione della vaccinazione, un nuovo strumento di prevenzione, il test HPV, si avvia a cambiare lo scenario della lotta al tumore del collo dell’utero, che nel nostro Paese colpisce ogni anno circa 3.500 donne.

La scoperta che l’infezione da HPV (Papillomavirus) fosse la causa principale di questo tumore ha aperto la strada a nuove strategie di prevenzione basate sulla vaccinazione e sull’utilizzo del test HPV come test primario nello screening, al posto del tradizionale Pap test. Numerosi studi di efficacia, che hanno utilizzato il test con tecnologia Hybrid Capture 2 (HC2),  hanno dimostrato che il test HPV permette di individuare con maggior efficacia e anticipo le lesioni precancerose che potrebbero evolvere in cancro. Da qui l’avvio, a partire dal 2009, di progetti di fattibilità in varie realtà italiane, per valutare l’impatto dell’introduzione del test HPV nei programmi di screening. I progetti hanno già coinvolto oltre 100.000 donne. I primi risultati sono promettenti e indicano che il nuovo modello organizzativo è ben attuabile e in grado di ottenere un miglioramento in termini di efficacia ed efficienza.

 

“Gli studi di fattibilità attualmente in corso, hanno introdotto il test HPV come test primario e solo in seconda istanza il Pap test, modificando i protocolli di screening utilizzati fino ad oggi, per valutare l’efficacia operativa di questo nuovo approccio e l’opportunità di estenderlo a livello nazionale. – spiega il prof. Sergio Pecorelli, Ordinario Clinica Ostetrica e Ginecologica Università di Brescia,Presidente dell’Agenzia Italiana del Farmaco – I risultati raccolti dimostrano che la nuova tecnologia molecolare offre vantaggi organizzativi rispetto al Pap test e permette di aumentare l’efficacia della prevenzione, allungando l’intervallo tra un controllo e il successivo a 5-7 anni. Oltre agli aspetti pratici, questi studi stanno fornendo anche importanti valutazioni sugli aspetti di comunicazione e informazione alle donne e ai professionisti sanitari, azioni importanti che non dobbiamo sottovalutare, se vogliamo che i nuovi strumenti di prevenzione siano recepiti e utilizzati al meglio”.

 

Le Regioni attualmente coinvolte nei progetti in corso sono Toscana (Firenze), Abruzzo, Emilia Romagna (Reggio Emilia e Ferrara),Piemonte (Torino e Ivrea), Trentino Alto Adige (Trento), Lombardia (Valle Camonica), Umbria (Perugia), Lazio (Roma G),Veneto (Este  Monselice) e, di recente avvio, Liguria (Savona). In queste realtà le donne coinvolte sono state chiamate a sottoporsi al test HPV al posto del tradizionale Pap test.

 

“Mentre con il Pap test vengono rilevate le alterazioni presenti sul collo dell’utero attraverso un’analisi al microscopio, il test HPV rileva la presenza con metodiche molecolari del Papillomavirus. Questa nuova strategia permette di fornire alla donna una maggior protezione contro il cancro della cervice per intervalli più prolungati. – spiega il dott. Massimo Confortini, Direttore del Laboratorio di Citologia Analitica e Biomolecolare e Citopatologia ISPO di Firenze e autore, insieme alla dott.ssa Francesca Carozzi, Responsabile del Settore di Diagnostica Molecolare ISPO, del nuovo volume edito da Elsevier “Prevenzione del carcinoma della cervice uterina. Dal test HPV al vaccino”- L’integrazione della vaccinazione con una nuova strategia di screening basata sul test HPV come screening primario può rappresentare un nuovo modello organizzativo in grado di razionalizzare al massimo le risorse e rendere pienamente efficace la prevenzione di questo tumore”.

 

Il test HPV si effettua con prelievo simile al Pap test, facile, indolore e non invasivo. Il materiale prelevato non è però letto al microscopio, come nel Pap test, ma utilizzato per la ricerca del Papillomavirus ad alto rischio con un test di laboratorio specifico. Il campione viene quindi conservato in un liquido e analizzato con la tecnologia molecolare. Fra le metodiche più utilizzate vi è il test HPV HC2, che si basa sull’amplificazione del segnale per il rilevamento del DNA e permette di individuare gli  HPV ad alto rischio oncogeno. La positività al test HPV  non è sinonimo di malattia, ma è soltanto un indice di un maggior rischio di patologia per la donna, che richiede successivi approfondimenti basati in primis sulla citologia.

 

“Il punto di forza del test HPV è che le donne con test negativo, non sono  a rischio di  sviluppo di carcinoma della cervice o di lesioni pre-invasive per almeno 5 anni - spiega la dr.ssa Francesca Carozzi, Responsabile Settore Diagnostica Molecolare ISPO, Firenze -mentre il rischio sarà maggiore per le donne con test HPV positivo, che sono circa il 5-10%; inoltre è importante sottolineare che solo una piccola frazione delle donne HPV positive svilupperanno una lesione della cervice, perché la maggior parte delle infezioni guariranno da sole. La possibilità di effettuare il test HPV all’interno dei programmi di screening  consente di  ottimizzare, in termini di appropriatezza, il percorso degli eventuali approfondimenti e di richiamare attivamente le donne al successivo follow-up”.