IT   EN

Ultimi tweet

GINECOLOGIA: TUTELA DEL MATERNO-INFANTILE. L'IMPEGNO DELL'ITALIA

Silvio Berlusconi scende in campo in prima persona a favore della salute della donna: “Dobbiamo realizzare un percorso medicina-salute-donna completo e fruibile in ogni fase della vita. È stato già istituito ed è operativo, presso la Presidenza del Consiglio, sotto la presidenza del Sottosegretario Gianni Letta, un Tavolo di coordinamento cui partecipano i rappresentanti dei Ministeri, degli enti locali, delle altre Istituzioni, associazioni ed enti”. È un documento ufficiale quello che ieri il premier ha voluto inviare ai massimi esperti della ginecologia durante una cerimonia all’Ambasciata italiana a Citta’ del Capo, dove è in corso il Congresso Mondiale della Federazione Internazionale di Ginecologia e Ostetricia (FIGO). “Mi auguro - continua la nota del Cavaliere - che l’analisi, l’approfondimento, la collaborazione, le proposte, le idee e le soluzioni che impegneranno i partecipanti al Tavolo divengano un momento stabile di raccolta, esame e sviluppo delle problematiche legate alla salute della donna. In un percorso che inizia oggi e porterà al 2012, anno in cui sarà Roma ad ospitare il Congresso Mondiale. L’Italia lavorerà alle proprie proposte di politica sanitaria dedicata al materno infantile in sede nazionale, europea, internazionale e mondiale e la Capitale accoglierà questo evento forte anche sotto il profilo organizzativo grazie ad una esperienza ormai consolidata per i grandi eventi a partire dal Giubileo del 2000 fino ad arrivare all’ultimo G8. Esprimo anche i più sinceri ringraziamenti alla Società Italiana di Ginecologia ed Ostetricia (SIGO), guidata dal prof. Giorgio Vittori, che è riuscita a portare a Roma il prossimo Congresso Mondiale e ciò è motivo di orgoglio per la SIGO in primo luogo, ma anche per il Paese. La SIGO c’è ed il Governo italiano tutto, a partire dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, la accompagnerà da oggi all’appuntamento dell’ottobre 2012 in tutte le iniziative e attività che tale incarico comporta”. Il documento del Presidente del Consiglio è stato accolto con grande entusiasmo dai medici riuniti per il Congresso mondiale. “La situazione di allarme in cui versa oggi la ‘questione’ femminile è dovuta in gran parte alla carenza di un impegno politico preciso su questi temi – ha affermato l’egiziano Gamal Serour, presidente entrante della Federazione mondiale dei Ginecologi – . Per questo il valore delle parole del Presidente del Consiglio italiano è tanto significativo e prezioso. Sono certo che con il sostegno delle Istituzioni il prossimo Congresso, il ventesimo della nostra Federazione, si trasformerà in un appuntamento indimenticabile per il mondo scientifico ma anche per l’intera società civile”. Le tematiche affrontate dalla FIGO si espandono infatti ben oltre l’ambito scientifico, con una forte ricaduta sociale: dalla prevenzione dell’aborto, alla lotta alla violenza, dal contrasto delle mutilazioni genitali femminili, alle campagne per una contraccezione consapevole, con un focus particolare rivolto ai Paesi del Sud del mondo.

 

Alla cerimonia ufficiale all’Ambasciata ha partecipato il presidente dell’AIFA, il prof. Sergio Pecorelli, che ha portato il saluto ufficiale del Vice-ministro alla Salute, Ferruccio Fazio. “Il nostro Paese è pronto per una nuova era della salute femminile e intende farsi paladino nel mondo delle battaglie civili necessarie per garantire i diritti umani e in particolare quelli legati al materno-infantile. Come è già accaduto per la violenza sulle donne, tema su cui il nostro Paese ha promosso una Conferenza Internazionale, così il Congresso FIGO 2012 ci offre l’opportunità per rafforzare il nostro ruolo nel valorizzare le politiche femminili”. Anche il Sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha voluto manifestare in una nota ufficiale  ai delegati di tutto il mondo il forte coinvolgimento suo personale e della citta’ intera. “Conosco l’impegno costante dedicato dalla FIGO nell’assicurare alle donne di ogni età censo ed etnia un elevato livello di benessere, fisico, mentale, riproduttivo e sessuale, uno stato di salute che le accompagni lungo la vita – afferma nel suo messaggio -. Una mission che è anche impegno a migliorare gli sforzi per raggiungere obiettivi di sviluppo del Millennio nel settore della maternità sicura e della salute dei neonati, soprattutto per le popolazione povere, attraverso programmi sostenibili volti al miglioramento delle cure disponibili per donne e bambini. Mancano poco più di 800 giorni al XX congresso mondiale che avrà come palcoscenico la Capitale d’Italia, cosa che ci riempie sin da ora di legittimo orgoglio e aspettative”. “Grazie al sostegno e alla collaborazione di tutte le Istituzioni possiamo davvero intraprendere una decisa inversione di tendenza, per rivalutare il “femminile” a 360, oggi spesso sottovalutato – conclude il prof. Giorgio Vittori, presidente della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO) -. Il nostro impegno sarà massimo perché queste riflessioni e dichiarazioni possano trasformarsi fin da subito in politiche concrete”.