IT   EN

Ultimi tweet

Ginecologi: "La protesta va avanti". Sciopero confermato per il 12 febbraio

“Ringraziamo il Ministro per la rapidità della convocazione e per la sua disponibilità ad ascoltare le nostre richieste. Abbiamo offerto la nostra collaborazione agli organismi ministeriali per l’attuazione delle proposte avanzate dal ministro Balduzzi a creare tavoli tecnici.

Abbiamo ribadito che la nostra protesta è rivolta soprattutto ad attrarre l’attenzione di tutte le forze politiche affinché si facciano carico di inserire nei rispettivi programmi di governo la problematica del contenzioso medico legale e introdurre i correttivi necessari per raffreddarlo, contenendo così il fenomeno della medicina difensiva, e contemporaneamente affrontare e risolvere i problemi della sicurezza dei punti nascita nell’interesse della salute e del benessere della mamma e del bambino.

Tuttavia, la disponibilità del Ministro non può essere considerata un elemento sufficiente e risolutivo per poter farci recedere dalla nostra ferma intenzione di proclamare lo sciopero per il 12 febbraio. Sciopero che sarà formalizzato, secondo la normativa vigente, lunedì 21 gennaio.

Ad oggi nessun partito nei propri programmi elettorali ha preso in considerazione le criticità del contenzioso medico legale da noi sollevate e che interessa tutta la classe medica e la sicurezza dei punti nascita”.

 

È quanto dichiarano Fesmed, Aogoi, Sigo, e i chirurghi dell’Acoi, che oggi hanno incontrato presso il Dicastero della Salute, il Ministro Renato Balduzzi dopo l’annuncio dello sciopero, al quale hanno aderito anche i ginecologi dell’Agite e le ostetriche dell’Aio, che sfocerà il 12 febbraio prossimo nel blocco dell’attività di tutti i punti nascita italiani, nonché delle visite specialistiche, delle ecografie ostetriche e degli esami clinici, fatte salve le urgenze indifferibili, che saranno comunque garantite.

 

I Parti cesarei e l’induzione di parti programmati, per un totale di circa 1.100 interventi stimati, saranno quindi anticipati o posticipati.

 

“Abbiamo consegnato al Ministro un documento con le motivazioni della nostra protesta e le nostre richieste: rivisitazione del contenzioso medico legale, la messa in sicurezza dei punti nascita, l’obbligatorietà da parte delle aziende sanitarie di assicurarsi. In particolare abbiamo illustrato un preventivo di polizza assicurativa nella quale si chiede ad un ginecologo il pagamento di un premio di 25mila euro per una copertura di 2 milioni di euro. Una cifra che un ginecologo non è in grado di poter pagare neanche al termine della propria carriera. Il Ministro ci ha proposto di compiere insieme un percorso di collaborazione finalizzato alla stesura del Decreto attuativo previsto dalla legge Balduzzi apportandone miglioramenti che possano renderlo più incisivo riguardo alle problematiche sollevate.

Restiamo ora in attesa che alle parole del ministro seguano i fatti e che le forze politiche diano dei segnali di interesse alle nostre richieste ponendole nei loro programmi di governo. La protesta continua”.

 

Carmine Gigli, presidente Fesmed (Federazione sindacale medici dirigenti)

Vito Trojano, presidente Aogoi (Associazione ostetrici ginecologi ospedalieri italiani)

Antonio Chiantera, segretario nazionale Aogoi (Associazione ostetrici ginecologi ospedalieri italiani)

Nicola Surico, presidente Sigo (Società italiana di ginecologia)

Luigi Presenti, presidente Acoi (Associazione chirurghi ospedalieri italiani)