IT   EN

Ultimi tweet

Allegri: "Higuain è un giocatore diabolico". Verso Milan-Napoli

Imgres

 Queste le dichiarazioni rilasciate da Mister Massimiliano Allegri durante la conferenza stampa alla vigilia di Milan-Napoli:



"Il Napoli gioca un buon calcio, in poco tempo Benitez è stato molto bravo, a cambiare modulo e a dare un buon gioco al suo Napoli, domani sarà difficile per noi ma lo sarà anche per loro, sarà una partita equilibrata, ci vorrà molta compattezza, loro davanti sono molto forti Higuain è un giocatore diabolico, Hamsik cresce anno dopo anno, Insigne è un ragazzo che inizia a fare il titolare, Callejon è un giocatore di livello internazionale, domani sarà una bella partita, noi la affronteremo come abbiamo affrontato le altre, abbiamo recuperato Abate e Niang, Poli sarà al 100%, e vedremo domani cosa faremo. Credo che i ragazzi faranno una buona partita".

"L’importante è che Zapata e Mexes abbiano la completa fiducia mia e della società, poi che a qualcuno non piacciano. Io credo che abbiano un buon rendimento, più giocano insieme più giocano meglio, poi ogni tanto commettono qualche errore ma è normale. A Zapata e a Mexes vengono date spesso colpe che a volte non sono neanche loro.
Il Napoli ha fatto molti gol e ne ha subiti pochi, è una squadra molto compatta, sarà molto difficile, come lo sarà per loro, dovremo stare attenti perché loro a campo aperto hanno giocatori in grado di fare male".

"Bisogna migliorare a livello tecnico come squadra, i giocatori che sono scesi in campo Mercoledì hanno fatto quello che potevano fare a seconda delle loro caratteristiche, l’importante è che con determinati giocatori si giochi in un determinato modo, e la squadra è stata brava.
Robinho quando è entrato Mercoledì ha fatto una buona partita, ha grande personalità, si fa sempre vedere, nella valutazione della partita di domani dovrò cercare di immaginare come possa andare la partita, in base a questo farò la formazione. Dovrò essere anche fortunato nei cambi, Mercoledì i giocatori che erano in panchina sono entrati e hanno fatto bene così come a Torino".

"Balotelli nell’ultima partita in coppia con Matri si è sacrificato molto per la squadra, deve migliorare ma è il primo anno che gioca da titolare sempre. Deve migliorare sotto l’aspetto mentale perché ora è il protagonista assoluto della squadra e ogni tre giorni deve dimostrare in campo di essere il più bravo. Matri corre molto davanti, Balotelli ha trovato un po’ più di spazio, più va avanti la partita più le squadre si allungano e per Mario diventa più facile trovare spazio, comunque l’intesa tra i due è buona e migliorerà col tempo, non dimentichiamo che quella era la prima partita che giocavano insieme".

"Giochiamo con i tre davanti, il trequartista non ha una posizione, è una variabile di una squadra che deve avere determinate caratteristiche, dipende chi sarà il terzo davanti. Hamsik non è un rimpianto, è un giocatore con grandi qualità che può migliorare ancora tantissimo, mi piaceva già dai tempi di Brescia, è un giocatore di caratura internazionale, ha tecnica, forza, è bravo anche a livello caratteriale".

"E’ normale che abbiamo dovuto improntare la preparazione su questo play off di Champions e abbiamo speso tante energie sia fisiche che mentali, fino ad oggi ci mancano i tre punti di Verona, altrimenti saremmo stati in linea con le aspettative sul campionato".

"Quando saremo tutti a disposizione cercheremo di migliorare anche sotto l’aspetto del gioco, Kakà Birsa, Matri sono giocatori nuovi, e quindi la conoscenza tra di loro è poca, c’è bisogno che si conoscano, che trovino un’intesa. Quando saremo tutti lavoreremo solo verso una via ma l’importante è non perdere la compattezza di squadra, ci siamo riusciti col PSV, col Cagliari e l’altro giorno col Celtic. E’ impensabile pensare che una squadra possa dominare per 90 minuti, dovremo essere bravi a difendere quando saranno gli avversari ad attaccare".

"Abate domani è a disposizione, Niang anche, Poli è al 100%, gli altri spero di averli al più presto, i dottori stanno lavorando bene, e magari prima dell’Ajax o della Juventus spero di recuperare qualcun altro, l’importante è non cadere in qualche ricaduta.
Saponara sta bene, oggi si allenerà con la squadra, ieri ha preso un colpo ma oggi sarà con la squadra. Saponara ha fatto molto bene a Empoli, ha delle ottime qualità tecniche, ma qua è arrivato fermo, datemi tempo per inserirlo, le qualità tecniche non si discutono ma andrà visto".

"Sarà una partita difficile per noi e per loro, siamo due squadre che lotteranno nelle prime 6-7 posizioni del campionato, noi dovremo essere bravi a lottare con queste  e ad arrivare a fine campionato nei primi tre posti".

"Robinho col Cagliari ha fatto una buona partita, giocare con i tre davanti soprattutto a inizio partita può risultare difficile, la squadra deve sempre avere il suo equilibrio, poi a partita in corso le cose possono cambiare, questo però non esclude che domani io parta con i tre davanti, Robinho sta bene ed è in una buona condizione, farò le mie valutazioni".

"Un allenatore a volte prende delle decisioni, fa una sua strategia, magari Benitez ha creduto che la sua squadra avesse bisogno di un po’ di riposo, è difficile andare a valutare la loro situazione, Benitez fino ad ora ha dimostrato di essere un ottimo allenatore, non solo a Napoli, quest’anno ha avuto il merito di stravolgere una squadra e di far passare i suoi concetti ai suoi giocatori, che con Mazzarri giocavano in un modo completamente diverso".

"Niang può essere uno dei tre, abbiamo Niang, Robinho e Birsa, uno dei tre può essere della partita così come lo possono essere due, ma fino a domani mattina non deciderò niente. Balotelli può essersi arrabbiato un paio di volte, ma verso l’arbitro e i guardalinee non credo abbia avuto brutti atteggiamenti, da noi sta migliorando, sta capendo che differenza c’è tra essere una comparsa in una squadra e essere invece il protagonista. Più in fretta lo capisce meglio è"

"Sarà una partita molto equilibrata, loro concedono poco spazio, poca profondità, bisognerà essere bravi, loro nelle ripartenze possono fare male.
Credo nella prestazione dei miei ragazzi".