IT   EN

Ultimi tweet

AIDS: SVIZZERA, 30 MILIONI DI FRANCHI ALL' ONU

Il Consiglio federale ha deciso oggi di versare 30 milioni di franchi su tre anni (2013-2015) all'ONUSIDA, diventando uno degli otto principali donatori dell'Organizzazione dell’ONU che lotta su scala globale contro l'HIV/AIDS. La sua missione è di consolidare e coordinare i provvedimenti in materia di prevenzione e cura delle persone colpite dal virus e le misure volte a ridurre l'impatto socio-economico dell'epidemia.

Nel 2011, 34 milioni di persone nel mondo vivevano con l'HIV, i nuovi contagi riguardavano 2,5 milioni di persone e quasi 1,7 milioni di persone affette dal virus sono decedute. I giovani rappresentavano il 40 per cento delle nuove infezioni.

L'Africa subsahariana ha fatto molti passi avanti, ma resta comunque la regione in cui si concentrano le maggiori sfide in materia di lotta contro l'HIV/AIDS. Un adulto su venti in quest'area vive con l'HIV. Nei Paesi della Comunità degli Stati Indipendenti (CSI), la trasmissione dell'HIV è particolarmente preoccupante tra le persone rinchiuse in carcere e tra i consumatori di droghe.

Importanti progressi sono stati compiuti dal 2001 (data della prima sessione straordinaria dell'Assemblea generale della Nazioni Unite sull'HIV/AIDS), ma molto resta ancora da fare. Per sconfiggere l'AIDS è necessario soprattutto potenziare la volontà politica e la prevenzione e superare la stigmatizzazione e la discriminazione di cui sono vittime le persone affette dalvirus. Non investire oggi significherebbe perdere molte delle conquiste raggiunte negli ultimi anni. 

La Svizzera contribuisce attivamente all'impegno su scala mondiale in questo ambito, sostenendo in particolare il Programma comune delle Nazioni Unite sull'HIV/AIDS (ONUSIDA). Questa Organizzazione, con sede a Ginevra, rappresenta per la Svizzera la principale piattaforma multilaterale nella lotta contro l'HIV/AIDS, soprattutto per quanto concerne un'azione coordinata in seno alle Nazioni Unite. Con un contributo che ammonta ormai a dieci milioni di franchi svizzeri all'anno (2013-2015), la Svizzera figura tra gli otto principali donatori dell'ONUSIDA. Dal 2006, l'importo del contributo svizzero era di 5 milioni all'anno.

Attualmente la Svizzera è membro del Consiglio di coordinazione dell'ONUSIDA. In tale contesto, intende porre l'accento in particolare sulla prevenzione presso i giovani e altre categorie a rischio nonché sul'eliminazione della trasmissione da madre a figlio. Intende altresì rafforzare la collaborazione tra gli altri partner dell’ONUSIDA  (tra cui ACNUR, UNICEF, PAM, OMS)  e con il Fondo mondiale (GFATM).