IT   EN

Ultimi tweet

Vendemmia 2017: meno vino ma uve di buona qualita' in Svizzera

La vendemmia 2017 ha fatto registrare una resa pari a 79 milioni di litri, toccando un livello mai così basso dal 1978 (- 28.5 mio. l; - 27% rispetto all'anno precedente). Le cause sono le diffuse gelate notturne di aprile e le grandinate che hanno colpito alcune regioni in agosto.

L'estate torrida e secca, la terza più calda dall’inizio delle misurazioni, da un lato ha ulteriormente ridotto la produzione, dall'altro ha consentito di anticipare la vendemmia e ha favorito la buona qualità delle uve.

La vendemmia 2017 è stata influenzata dalle eccezionali gelate notturne di aprile, che hanno causato danni ingenti ai vigneti e da un’estate che si affianca a quelle del 2003 e del 2015 nella classifica delle estati più calde mai registrate dall'inizio delle misurazioni. Le condizioni climatiche estreme hanno avuto un impatto considerevole sulla vendemmia. Rispetto all’anno precedente nella Svizzera francese i volumi di resa sono diminuiti del 72 per cento (-24.7 mio. l), nella Svizzera tedesca dell'81 per cento (-2.4 mio. l) e nella Svizzera italiana del 77 per cento (-1.4 mio. l). L’estate piovosa del 2016 ha pregiudicato la fioritura delle piante di vite e di conseguenza la formazione dei grappoli nel 2017.

La torrida estate del 2017 ha causato un massiccio stress idrico tradottosi in acini più piccoli e meno succosi, ma con un elevato tenore naturale in zucchero. La qualità delle uve è pertanto risultata molto soddisfacente. La superficie viticola è rimasta pressoché invariata rispetto all'anno precedente a quota 14 750 ettari (-0.2 %). Il consumo medio annuo di vino svizzero si aggira normalmente sui 100 milioni di litri. La vendemmia 2017, dopo quelle del 2013 (84 mio. l), del 2014 (93 mio. l) e del 2015 (85 mio. l) è già la quarta, nell'arco di cinque anni, a rimanere al di sotto dei livelli di consumo reale. Le cifre dettagliate, comprese quelle sul consumo, saranno pubblicate su "L'Anno viticolo" a fine primavera.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.