IT   EN

Ultimi tweet

USAV autorizza un enzima prodotto da batteri geneticamente modificati

L’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV) autorizza l’impiego del coadiuvante tecnologico amilasi maltogenica per la produzione di derrate alimentari.

Questo enzima è ricavato da batteri geneticamente modificati. L’USAV ha verificato la sicurezza dell’enzima e giudicato il suo impiego innocuo per la salute. Quando si utilizza l’amilasi maltogenica nella produzione di derrate alimentari, la protezione dei consumatori è garantita: l’USAV è giunto a questa conclusione dopo una verifica approfondita della sicurezza dell’enzima e ne autorizza l’impiego fino al 2025.
L’enzima, ricavato da microrganismi geneticamente modificati (Bacillus subtilis), è offerto sotto il nome di Novamyl® e Maltogenase®. Il Novamyl® è già stato autorizzato dalle autorità competenti in Danimarca nel 1992 e in Francia nel 1993. Negli altri Stati dell’Unione europea è autorizzato senza omologazione.
In Svizzera, i prodotti derivati da organismi geneticamente modificati utilizzati nella produzione di derrate alimentari possono essere utilizzati soltanto previa omologazione da parte della Confederazione. L’ultima omologazione di questo genere è stata rilasciata nel 2012.


L’amilasi maltogenica viene utilizzata nella produzione di pane e altri prodotti da forno per ridurre la cristallizzazione dell’amido nella crosta, il che consente di rallentare il processo di raffermamento del pane. Inoltre l’enzima può essere utilizzato per produrre sciroppo di maltosio da amido liquefatto. Le amilasi sono enzimi prodotti naturalmente da numerosi microrganismi, piante e animali. Con altri enzimi, le amilasi degradano l’amido vegetale presente negli alimenti.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.