IT   EN

Ultimi tweet

Turismo sanitario: la Svizzera scende in campo

Svizzera Turismo (ST) ha concluso un accordo di partnership con pressoché una ventina di ospedali e cliniche per sviluppare il turismo sanitario in Svizzera.

L’obiettivo è di promuovere la qualità delle cure, delle infrastrutture e dell’ambiente che queste strutture offrono ai pazienti e di posizionare la Svizzera tra le destinazioni leader nell’ambito del turismo della salute a livello mondiale. Le attività promozionali pianificate a tal fine a partire dal 2020 andranno anche a vantaggio di numerosi operatori turistici.

ST, presente dal 2004 nell’ambito della promozione delle offerte di benessere (destinazioni, hotel, spa, centri termali), aveva annunciato a inizio anno di voler estendere la gamma delle sue attività di marketing internazionali a tutte le prestazioni sanitarie. La fase preparatoria di questo progetto si è ora conclusa con la firma di accordi di partnership con circa una ventina di cliniche e ospedali in Svizzera.

Facendo leva sullo sviluppo della crescente domanda globale nel settore del turismo della salute, ST e i suoi nuovi partner punteranno in un primo tempo ai mercati promettenti rappresentati da Cina, Russia e Paesi del Golfo, dove la domanda di cure mediche è in forte evoluzione. Grazie alle eccellenti competenze e alle infrastrutture mediche di altissimo livello, a cui si aggiunge un ambiente naturale favorevole al benessere, la Svizzera è una destinazione molto attraente per l’intera gamma del turismo della salute, dalla prevenzione ai trattamenti medici altamente specializzati.

Opportunità di crescita per la medicina di alto livello e il turismo.

Nel 2017, più di 35 900 pazienti domiciliati all’estero hanno soggiornato in ospedali e cliniche in Svizzera; rappresentano circa il 2% del totale dei pazienti, di cui oltre la metà paga le cure di tasca propria. Consentono alle strutture mediche di ottimizzare il tasso di occupazione dei letti. In base alle stime di ST, i pazienti che vengono dall’estero per usufruire di trattamenti privati viaggiano spesso accompagnati dai familiari. Attualmente questi ospiti generano circa 490 000 pernottamenti e una cifra d’affari turistica pari a 196 milioni CHF all’anno in Svizzera (alloggio, escursioni, ristorazione – spese al di fuori delle prestazioni mediche). ST stima che, promuovendo attivamente l’offerta medica delle cliniche e degli ospedali svizzeri, i benefici a vantaggio del settore turistico potrebbero aumentare del 25% entro il 2022 per attestarsi a 245 milioni CHF.

Campagna di marketing internazionale prevista per il primo trimestre 2020.

«Offriamo alle strutture mediche partner la possibilità di profilarsi sui mercati stranieri grazie all’eccellente rete di cui disponiamo in loco», ha dichiarato Martin Nydegger, direttore di ST, aggiungendo: « Ci prefiggiamo di posizionare la Svizzera come destinazione leader nel settore del turismo sanitario e di sfruttare questo campo lucrativo per l'industria turistica svizzera».

Per il primo trimestre 2020, ST ha quindi previsto di lanciare un sito Internet multilingue dedicato, una rivista, di partecipare a diversi eventi professionali e destinati al grande pubblico in Cina, Russia e nei Paesi del Golfo.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.