IT   EN

Ultimi tweet

Trapianto fegato, ridurre la mortalità in lista d' attesa di 90 giorni con il punteggio MELD-Na #ILC2020 #EASL

Dare la priorità ai pazienti per il trapianto di fegato utilizzando il punteggio Model for End-stage Liver Disease Sodium (MELD-Na), invece del punteggio MELD più comunemente usato, potrebbe aumentare le possibilità che i pazienti ad alto rischio ricevano un trapianto e ridurre il rischio di morte in lista d'attesa, secondo i risultati di un ampio studio, che utilizza i dati della rete Eurotransplant. 

I ricercatori del Leiden University Medical Center nei Paesi Bassi hanno valutato più di 5.000 pazienti con malattia epatica cronica che erano stati assegnati alla lista di attesa del fegato di Eurotransplant utilizzando il punteggio MELD e hanno scoperto che più di un quarto di coloro che sono morti entro 3 mesi dall'essere elencato potrebbe aver ricevuto un trapianto se fosse stato utilizzato il punteggio MELD-Na. 

Il punteggio MELD, che stima il rischio di mortalità per i pazienti con malattia epatica allo stadio terminale utilizzando variabili di laboratorio, è stato utilizzato per dare la priorità ai pazienti negli elenchi dei trapianti di fegato per quasi 20 anni. 1,2 Sebbene MELD abbia avuto molto successo nell'assegnazione delle priorità ai pazienti 1 , non riflette accuratamente il rischio di morte nei pazienti con iponatriemia (bassi livelli di sodio), che è un importante predittore di mortalità nei pazienti negli elenchi di trapianti di fegato. 3,4 Il punteggio MELD-Na, che include il sodio sierico nel calcolo del rischio, è stato adottato negli Stati Uniti nel 2016 per la prioritizzazione del trapianto di fegato, 5 ma non è ancora utilizzato di routine in tutta Europa.

Per verificare se l'uso del punteggio MELD-Na nella regione Eurotransplant (che comprende Austria, Belgio, Croazia, Germania, Ungheria, Lussemburgo, Paesi Bassi e Slovenia) potrebbe migliorare i risultati, il team di Leiden ha valutato 5.223 pazienti assegnati a la lista di attesa del trapianto di fegato di Eurotransplant tra il 2007 e il 2018 utilizzando i loro punteggi MELD. Questi pazienti sono stati seguiti dal primo elenco al momento della cancellazione dall'elenco o fino a 90 giorni dopo l'elenco. Nell'ambito dello studio, ogni paziente è stato riclassificato retrospettivamente in base al punteggio MELD-Na, consentendo una stima del numero di vite salvate se fosse stata utilizzata l'assegnazione MELD-Na.

Secondo il dottor Ben Goudsmit del Leiden University Medical Center, che ha presentato i risultati dello studio al Digital International Liver Congress ™ di quest'anno , un'ampia percentuale (40%) dei pazienti in lista d'attesa per il trapianto presentava iponatriemia e questi pazienti avevano un triplo aumento del rischio di morte entro 90 giorni dall'inserimento nell'elenco. 

"Abbiamo anche scoperto che, se il punteggio MELD-Na fosse stato utilizzato per dare la priorità ai pazienti invece del punteggio MELD, il 26,3% di coloro che sono morti entro 90 giorni avrebbe avuto una probabilità significativamente maggiore di ricevere un trapianto di fegato", ha detto. "Ciò equivale a una riduzione del 4,9% della mortalità in lista d'attesa a 90 giorni".

Il team di ricerca ritiene che, poiché vi è una carenza di trapianti di fegato e la prevalenza della cirrosi è in aumento a livello globale, una migliore previsione della mortalità e una migliore definizione delle priorità per il trapianto di fegato stanno diventando sempre più importanti. "Riteniamo che l'assegnazione basata su MELD-Na aiuterebbe a dare la priorità ai pazienti nelle liste di attesa per i trapianti di fegato in Europa e a ridurre il numero di pazienti che muoiono prima che abbiano la possibilità di ricevere questo trattamento salvavita" .

"Il punteggio MELD è stato un passo avanti nel campo del trapianto di fegato, in quanto ha garantito l'equità nei pazienti valutati ed elencati per un trapianto. Nel corso degli anni, è diventato evidente che l'aggiunta di Na all'equazione originale ha migliorato la classificazione dei pazienti e il MELD-Na è stato successivamente adottato negli Stati Uniti nel 2016 '' , ha spiegato il professor Emmanuel Tsochatzis del Royal Free Hospital e dell'University College di Londra , Regno Unito e un membro del consiglio di amministrazione dell'EASL. "Questo studio è un passo importante nell'introduzione di MELD-Na nei programmi europei di trapianto di fegato, poiché ha dimostrato un miglioramento di quasi il 5% nella mortalità in lista d'attesa di 90 giorni" .

1. Brock GN, et al. Use of rapid Model for End-Stage Liver Disease (MELD) increases for liver transplant registrant prioritization after MELD-Na and Share 35, an evaluation using data from the United Network for Organ Sharing. PLoS One. 2019;14(10):e0223053.
2. Cholongitas E, Burroughs AK. The evolution in the prioritization for liver transplantation. Ann Gastroenterol. 2012;25(1):6–13.
3. Biggins SW, et al. Serum sodium predicts mortality in patients listed for liver transplantation. Hepatology. 2005;41(1):32–9.
4. Kim WR, et al. Hyponatremia and mortality among patients on the liver-transplant waiting list. N Engl J Med. 2008;359(10):1018–26.
5. United Network for Organ Sharing. OPTN/UNOS Liver and Intestinal Organ
Transplantation Committee. Report to the board of directors. Richmond, Virginia. 2014 Jun. Available from:https://optn.transplant.hrsa.gov/media/1834/liver_boardreport_20140702.pdf.
 

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.