IT   EN

Ultimi tweet

Torri Gemelle, rischio BPCO per i soccorritori al World Trade Center #ERSCongress #ERS2021

 

A vent'anni dagli attacchi dell'11 settembre, gli operatori di soccorso e recupero e i volontari, che hanno frequentato il sito del World Trade Center stanno iniziando a sviluppare la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) spesso a seguito di una precedente diagnosi di asma, secondo una ricerca presentata oggi al Congresso Internazionale ERS. [1]

Lo studio di quasi 18.000 lavoratori e volontari mostra che coloro che sono arrivati ??sul sito subito dopo il crollo delle Torri Gemelle corrono il maggior rischio di BPCO.

La BPCO è una condizione polmonare cronica che causa difficoltà respiratorie, tosse e respiro sibilante che peggiorano nel tempo. Colpisce principalmente le persone anziane che fumano, ma le esposizioni professionali e ambientali sono sempre più riconosciute come fattori di rischio.

La ricerca è stata presentata dal professor Rafael E. de la Hoz della Icahn School of Medicine a Mount Sinai di New York: “Sappiamo che i soccorritori che sono arrivati ??all'indomani del disastro del World Trade Center affrontano maggiori rischi di malattie delle vie aeree, come asma, bronchite cronica non specifica e bronchiolite, probabilmente causati dal fumo e dalla polvere tossica, che persisteva nel l'aria giorni e settimane dopo gli attacchi. È importante continuare a monitorare questi lavoratori per comprendere gli impatti a lungo termine della loro esposizione mentre lavorano sul sito perché alcune condizioni possono richiedere molti anni per svilupparsi”.

Lo studio ha incluso 17.996 persone che avevano lavorato presso il sito del World Trade Center. Ognuno di questi lavoratori ha preso parte a test di spirometria per misurare la propria salute polmonare in almeno due occasioni tra il 2002 e il 2018. Questi test valutano quanta aria una persona può espirare in un respiro forzato e sono usati per aiutare a diagnosticare la BPCO e l'asma .

I ricercatori hanno confrontato questi dati con le informazioni su quando ogni persona è arrivata a lavorare presso il sito del World Trade Center, così come altri fattori che possono influenzare la salute dei polmoni, come la loro età, se fumano e se erano in sovrappeso.

I risultati hanno mostrato che i lavoratori che sono arrivati ??nei primi due giorni, quando il fumo e la polvere erano al loro peggio, avevano maggiori probabilità di avere una funzione polmonare più scarsa. Lo studio ha mostrato che 586 (3,3%) dei lavoratori avevano sviluppato fino ad ora una BPCO definita spirometricamente, con coloro che arrivavano in anticipo al sito a maggior rischio (circa il 30% in più rispetto a quelli che arrivavano al lavoro più tardi), anche dopo essersi adeguati per il fumo di tabacco e l'obesità. Circa un quarto delle persone con diagnosi di BPCO erano non fumatori per tutta la vita. Lo studio ha anche mostrato che la BPCO spesso seguiva una precedente diagnosi di asma e che circa il 40% di quei lavoratori con BPCO aveva caratteristiche di entrambe le malattie, note come sovrapposizione asma-BPCO o ACO.

“Molti di questi lavoratori erano non fumatori e avevano poco più di 40 anni nel 2001, e la BPCO è rara in quella fascia di età. A vent'anni dal loro lavoro presso il sito del World Trade Center, e nonostante la diminuzione dei tassi di fumo, stiamo iniziando a vedere emergere casi di BPCO. Il nostro studio mostra che quelli che corrono il rischio maggiore sono quelli che hanno lavorato nel sito nel primo o due giorni dopo il crollo delle Torri e in quelli a cui era stata precedentemente diagnosticata l'asma”, aggiunge il professor de la Hoz.

I ricercatori affermano che questo è uno degli studi prospettici più ampi e dettagliati su un gruppo di lavoratori esposti a livelli così elevati di fumo e polvere. I suoi risultati potrebbero aiutare le persone che sono state esposte al sito del World Trade Center, o in seguito ad altri disastri, garantendo che i problemi di salute a lungo termine come la BPCO vengano diagnosticati e trattati il ??prima possibile.

“Oltre al mio lavoro di ricerca, ho diagnosticato e trattato i disturbi delle vie aeree di questi lavoratori dal 2002, attraverso la cessazione del fumo, incoraggiando la riduzione del peso e il miglioramento della dieta e dello stile di vita, la riduzione delle esposizioni professionali in corso, la vaccinazione appropriata, il trattamento delle comorbidità che peggiorano la malattia e riabilitazione quando opportuno. Ci piacerebbe pensare che questo lavoro potrebbe aver impedito una peggiore morbilità della BPCO", aggiunge de la Hoz.

“La BPCO è una malattia grave che può avere un impatto importante sulla vita quotidiana delle persone, ma soprattutto è prevenibile. I trattamenti e la riabilitazione possono aiutare ad alleviare i sintomi della BPCO, ma è molto importante aumentare la consapevolezza su come prevenire la malattia o diagnosticarla il prima possibile -prosegue Arzu Yorganc?o?lu, presidente dell'European Respiratory Society Advocacy Council e professore di pneumologia alla Celal Bayar University, in Turchia- In tutto il mondo, contiamo sui nostri operatori di emergenza per aiutare quando si verificano disastri. Questo studio mostra quanto sia importante continuare a monitorare la salute dei lavoratori, come quelli che hanno frequentato il sito del World Trade Center 20 anni fa, poiché l'esposizione professionale agli inquinanti può portare alla BPCO. Quello che possiamo imparare da ricerche come questa non è solo il modo migliore per prenderci cura dei soccorritori che operano in condizioni pericolose, ma anche come possiamo proteggerli nel loro lavoro in futuro».

Antonio Caperna

Le notizie dal Congresso ERS sono su: http://www.salutedomani.com/categ/malattie_respiratorie

[1] Abstract no: PA3353 “Association of COPD and Asthma COPD Overlap (ACO) with World Trade Center (WTC) occupational exposure intensity”, by Rafael de la Hoz et al; Presented in session, “Chronic airway, interstitial, pleural and neoplastic diseases” at 13:15-14:15 CEST on Tuesday 7 September 2021. [https://k4.ersnet.org/prod/v2/Front/Program/Session?e=262&session=13538]

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.