IT   EN

Ultimi tweet

Supporto ai pazienti con malattie epatiche e trapianto di fegato in epoca coronavirus Covid-19 #EASL #ILC2020

La pandemia COVID-19 ha portato notevoli sfide ai pazienti affetti da malattie del fegato in tutto il mondo, in particolare quelli che assumono farmaci immunosoppressori. Le persone in attesa o che convivono con un trapianto di fegato affrontano molti rischi, poiché i servizi di trapianto sono rallentati o addirittura sospesi. 

Inizialmente, l'età, l'ipertensione, le malattie polmonari e le malattie cardiovascolari erano tra i fattori di rischio per COVID-19 grave, ma la ricerca ora indica che alcuni gruppi di pazienti con patologie epatiche sono anche a maggior rischio di sviluppare un decorso più grave di COVID-19.

Per affrontare le numerose domande, l'EASL e tutta la comunità di esperti stanno esplorando il modo migliore per gestire queste sfide e trattare i pazienti colpiti, creando risorse adeguate per medici e pazienti. Sono stati pubblicati due position papers, che affrontano queste domande e forniscono raccomandazioni: "Impatto del COVID-19 sulla cura dei pazienti con malattia epatica: il documento di sintesi EASL-ESCMID dopo 6 mesi di pandemia" è stato pubblicato nell'agosto 2020, che funge da seguito  al documento di posizione originale EASL-ESCMID, pubblicato nell'aprile 2020 (insieme denominato documenti di posizione EASL-ESCMID - entrambi sono stati pubblicati nella rivista EASL ad accesso libero, JHEP Reports).

Il registro COVID-Hep, supportato da EASL è stato lanciato nel marzo 2020 presso l'Università di Oxford, nel Regno Unito. Serve per raccogliere dati su pazienti con malattia epatica in qualsiasi fase o trapianti di fegato, che hanno sviluppato COVID-19, confermato in laboratorio. Ad oggi, il registro ha raccolto più di 1.200 richieste e ha pubblicato importanti risultati, che hanno aiutato i medici a comprendere meglio il rischio individuale per i pazienti, con diverse forme e stadi di malattie del fegato, se fossero stati infettati da SARS-CoV-2. 

"Gli sforzi fino ad oggi includono pubblicazioni di ricerca ad accesso aperto che esplorano le esigenze particolari e le raccomandazioni di trattamento per questi pazienti, supportando la creazione di un registro per raccogliere dati sul fegato e sui pazienti COVID-19, organizzando webinar anche con partner internazionali come l'Organizzazione mondiale della sanità e creando risorse laiche per servire le organizzazioni e le comunità di pazienti ", ha affermato il Prof. Phil Newsome, Segretario generale dell'EASL e Direttore del Centro per la ricerca sul fegato e gastrointestinale e Professore di epatologia presso l'Università di Birmingham, Regno Unito. A sei mesi dall'inizio della pandemia, nell'agosto 2020, è stato pubblicato il secondo documento di posizione EASL-ESCMID, per rivalutare il panorama dell'epatologia. Fornisce un quadro più chiaro sull'evoluzione del virus, su come colpisce il fegato e sui pazienti trapiantati e su chi è più a rischio.

Gli autori sottolineano che l'enfasi deve spostarsi da un focus precedente sui pazienti immunosoppressi o che vivono con malattie del fegato autoimmuni al mantenimento della cura di tutti i pazienti, sia nei servizi ambulatoriali che negli ospedali, e alla ricerca di gruppi specifici a rischio più elevato.

Mentre i pazienti con malattia epatica non sembrano essere a maggior rischio di contrarre SARS-CoV-2, quei pazienti con steatosi epatica non alcolica (NAFLD), obesità e cirrosi sembrano avere esiti peggiori. Inoltre ai pazienti con malattia epatica autoimmune ed epatite virale cronica si consiglia di continuare con i loro specifici trattamenti. 

“Ora che abbiamo un quadro molto più chiaro sui fattori di rischio correlati al fegato per COVID-19 grave, possiamo determinare meglio chi necessita di maggiore attenzione, una volta infettato. Dobbiamo anche garantire che la pandemia non avrà un impatto negativo a lungo termine sulla qualità della cura del paziente epatico ", ha affermato il Prof. Thomas Berg, Vice Segretario Generale dell'EASL e Capo della Divisione di Epatologia, Dipartimento di Medicina II, Centro medico dell'università di Lipsia, Germania.   

"Le raccomandazioni iniziali del Position Paper rimangono valide, come promuovere la telemedicina in ambito ambulatoriale, dare la priorità ai contatti ambulatoriali ed evitare la diffusione nosocomiale del virus ai pazienti e agli operatori sanitari, pur mantenendo cure standard per i pazienti che richiedono cure mediche immediate. " 

"I medici e le loro istituzioni dovrebbero sforzarsi di riprendere lo standard di cura per i pazienti con malattie epatiche- ha aggiunto l'autore principale e membro del comitato scientifico dell'EASL, il dott. Tobias Boettler, Dipartimento di Gastroenterologia, Epatologia, Endocrinologia e Malattie Infettive University Hospital Freiburg, Germania- Ove possibile, ciò dovrebbe includere l'adozione di tecnologie e metodi innovativi sviluppati durante la pandemia, come la telemedicina e il monitoraggio remoto".

È stata lanciata un'iniziativa congiunta sull'impatto del COVID-19 sul trapianto di fegato , insieme a un prossimo sondaggio incentrato sul suo impatto sul numero di candidati in lista di attesa e sul numero di pazienti trapiantati. Questa iniziativa congiunta si svolge tra l'EASL, la Società europea per i trapianti di organi (ESOT), la sua divisione di ESOT, l'Associazione europea dei trapianti di fegato e intestino (ELITA) e la Società internazionale di trapianti di fegato (ILTS). 

EASL sta rendendo le informazioni su COVID-19 e sul fegato prontamente disponibili anche per i pazienti. Il Position Paper EASL-ESCMID è stato adattato per comunicare informazioni complesse su COVID-19 e per fornire supporto ai pazienti e alle loro associazioni. Due pubblicazioni, una sintesi laica e un kit di strumenti per le organizzazioni di pazienti epatici , sono state scritte come una collaborazione tra organizzazioni di pazienti, gruppi consultivi e membri del consiglio dell'EASL. Gli autori includono la signora Martine Walmsley, membro del comitato per la politica e la salute pubblica dell'EASL. 

"Le organizzazioni di pazienti si trovano ad affrontare la sfida di dover comunicare rapidamente informazioni complesse sul COVID-19 ai malati e di sostenere le loro esigenze sanitarie in un clima in rapido cambiamento, ma non tutte hanno le risorse per farlo", ha affermato la signora Walmsley, presidente del consiglio di amministrazione del Supporto PSC (per pazienti con colangite sclerosante primaria) ed ella stessa paziente PSC. 

 
Aggiornamenti gratis nel canale Telegram: t.me/salutedomani

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.