IT   EN

Ultimi tweet

Strategia nazionale per la sorveglianza, la prevenzione e la lotta contro le infezioni nosocomiali (Strategia NOSO)

Le infezioni nosocomiali rientrano nelle complicazioni di trattamenti medici più frequenti in Svizzera. Per ridurne il numero, l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha elaborato la Strategia NOSO, coinvolgendo tutte le cerchie interessate, e ha posto in consultazione il progetto.

Si stima che ogni anno 70 000 persone contraggono infezioni durante la loro degenza negli ospedali svizzeri e che circa duemila soccombono ad esse. Queste infezioni nosocomiali concernono soprattutto le vie urinarie e respiratorie, ma possono insorgere anche in seguito a ferite chirurgiche o setticemie. Per i dolori e i disturbi provocati non costituiscono solo un problema per i pazienti, ma spesso ne protraggono la degenza, cagionando costi supplementari. La Strategia NOSO mira a migliorare la sicurezza e la protezione dei pazienti, del personale sanitario e della popolazione ma anche ad abbassare i costi. Alcuni studi dimostrano che, a seconda del tipo, è possibile evitare dal 20 fino al 50 per cento delle infezioni.

Sorveglianza, prevenzione e lotta contro le infezioni nosocomiali
La Strategia NOSO intende creare i presupposti per una procedura efficiente e unitaria sul territorio nazionale per quanto riguarda la sorveglianza, la prevenzione e la lotta contro le infezioni nosocomiali. Questa strategia nazionale si basa sulle priorità di politica sanitaria del Consiglio federale «Sanità2020» e sulla nuova legge sulle epidemie che entrerà in vigore all'inizio del 2016. È stata sviluppata partendo da strutture e misure già esistenti, definisce le responsabilità e contribuisce a raggiungere gli obiettivi di prevenzione e lotta in modo coordinato. Sin dall'inizio dello sviluppo della strategia, l'UFSP ha coinvolto i Cantoni e tutte le altre cerchie interessate, tra cui gli ospedali, le case di cura, i medici e il personale sanitario.

Quattro aree d'intervento
Il documento strategico si fonda su quattro aree d'intervento: governance, monitoraggio, prevenzione e lotta, formazione e ricerca. Ogni area d'intervento comprende obiettivi strategici (12 in totale) e misure chiave (32 in totale). Per il settore governance si tratta di unificare, a livello nazionale, le misure dimostratesi le migliori nella prassi, elevandole a standard obbligatorio, e di fissare le linee guida. Nel monitoraggio l'obiettivo consiste nel creare e gestire un sistema nazionale di sorveglianza di queste infezioni e dei loro effetti. Per quanto riguarda la prevenzione, la priorità è data alla sensibilizzazione del personale sanitario, dei pazienti e dei visitatori negli ospedali e nelle case di cura sulle misure igieniche, come ad esempio la disinfezione delle mani. Tra gli argomenti centrali della formazione e della ricerca rientra l'istruzione del personale ospedaliero e delle case di cura nel settore della prevenzione delle infezioni.


Il progetto della Strategia è sottoposto a una procedura di consultazione delle cerchie interessate, che durerà fino al 14 settembre 2015. L'approvazione del Consiglio federale è prevista nel dicembre 2015, affinché l'attuazione possa avere inizio l'anno prossimo.


Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.