IT   EN

Ultimi tweet

Spina bifida curata in utero, al Policlinico di Milano gia' 4 interventi

Sono saliti a 4 gli interventi chirurgici in utero per curare la spina bifida al Policlinico di Milano, primo centro in Europa a mettere in atto questa delicata chirurgia.

Dopo i 2 casi di giugno gli esperti hanno portato a termine con successo 2 nuove operazioni, in cui si sono concentrati gli sforzi di diversi specialisti: quelli della Chirurgia fetale guidati da Nicola Persico, quelli della Chirurgia pediatrica guidati da Ernesto Leva, e quelli Ginecologia e del Mangiagalli Center del Policlinico diretti da Enrico Ferrazzi.

Il quinto caso è già in programma per novembre. La spina bifida è un grave difetto della colonna vertebrale e del midollo spinale: quando non è mortale porta a disabilità, paralisi e disturbi neurologici. In Italia si verifica in 1 caso ogni 10 mila nascite: vuol dire che ogni anno ci sono almeno 50 nuovi bambini colpiti, e l'intervento chirurgico in utero può cambiare radicalmente la qualità di vita di questi bimbi. E' una patologia che si verifica durante lo sviluppo del feto: alle donne in gravidanza si consiglia di assumere acido folico per prevenirla (e sarebbe meglio iniziare addirittura tre mesi prima del concepimento), ma la carenza di questa vitamina non è l'unico fattore a scatenare la patologia: ci sono anche anomalie cromosomiche, difetti del metabolismo, ma anche fattori legati alla salute della madre come obesità, alcolismo o diabete. Ci sono diverse varianti di spina bifida: alcune sono incompatibili con la vita, altre portano a gravi disabilità e problemi neurologici. 

Ad oggi non esistono cure risolutive per chi ha la spina bifida, ma ci sono diversi trattamenti chirurgici per cercare di alleviare il problema: interventi indispensabili non solo per preservare le funzioni del midollo spinale, ma anche per ridurre i rischi di infezione (come le meningiti) a cui questi pazienti vanno incontro. Purtroppo, il successo di questi interventi dipende dalla gravità della patologia, dal danno subìto al midollo spinale e dal punto in cui la colonna vertebrale è danneggiata.

A Milano ciascun feto è stato operato con tecniche di chirurgia mininvasiva, introducendo nell'utero della madre strumenti sottilissimi (3 millimetri di spessore).

I chirurghi hanno operato grazie ad un costante monitoraggio ecografico, raggiungendo la colonna vertebrale e riparando il danno causato dalla patologia. In questo tipo di interventi è fondamentale anche la collaborazione con anestesisti, neonatologi e con un personale infermieristico dedicato. L'intervento, sottolineano gli esperti, consente di "minimizzare i danni di una patologia al momento della nascita o addirittura salvare la vita di un bimbo che altrimenti potrebbe non nascere".

In Policlinico esiste un vero e proprio percorso specializzato nella chirurgia fetale, che da tempo accoglie donne da tutta Italia "raddoppiando le possibilità di sopravvivenza di molti bambini che stanno affrontando delle difficoltà per venire al mondo".

 

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.