IT   EN

Ultimi tweet

SPESA FARMACEUTICA 2013 A VERONA: AUMENTANO LE RICETTE (+ 2,4%) E CALA LA SPESA (- 3,2%)

I dati  veronesi sulla spesa farmaceutica da gennaio a dicembre 2013 con raffronto sullo stesso periodo del 2012 e i dati sono molto positivi. Verona pur avendo incrementato il numero di ricette del 2,4% (totale ricette 7.695.678) ha registrato un calo del 3,2% della spesa netta farmaceutica a carico del SSN calcolata nella cifra di 109.647.019 euro. Molto bene anche la spesa netta SSN media pro capite di circa 5 euro inferiore alla media nazionale.

 

RICETTE MEDIE PRO CAPITE

Verona: 8,48 (+3,2%)

Veneto: 8,38 (+2,5)

 

SPESA NETTA S.S.N. MEDIA PRO CAPITE

Verona: 120,84 euro (-2,5%)

Veneto: 125,18 euro (-3,5%)

 

SPESA NETTA S.S.N. MEDA PER RICETTA

Verona: 14,25 euro (-5,5%)

Veneto: 14,93 euro (-5,9%)

 

(Fonte Federfarma)

 

«L’elaborazione evidenzia quanto sia virtuosa la posizione di Verona nell’ambito del consumo di farmaci a carico del Servizio Sanitario - dice Marco Bacchini, presidente di Federfarma Verona, l’Associazione dei titolari di farmacia -. Tra i dati più interessanti troviamo l’aumento del numero di ricette (+1,8% sul 2012) che porta però a una riduzione della spesa netta SSN media per ricetta del 5,5%. Tutto questo porta a calcolare che la spesa netta SSN media pro capite si ferma a 120 euro, mentre nella media veneta questo dato sale di 5 euro.

È un importante risultato ottenuto con il grande contributo delle farmacie attraverso Federfarma Verona per una produttiva farmaco economia, una stretta relazione e confronto con li servizi farmaceutici territoriali e un’opera di sensibilizzazione ad esempio anche per l’uso dei farmaci generici nei confronti dei pazienti. Aspetti questi riconosciuti anche dall’assessore alla Sanità della Regione Veneto Luca Coletto che recentemente in una sua pubblica dichiarazione ha ringraziato anche le farmacie per la fattiva collaborazione nella razionalizzazione del risparmio, senza agire negativamente sull’assistenza farmaceutica al cittadino, ma migliorando ulteriormente l’appropriatezza terapeutica e la compliance dei paziente, lavoro svolto  - conclude Bacchini – molto efficacemente dalle farmacie».

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.