IT   EN

Ultimi tweet

Siena tra le prime sei in Italia contro gli sprechi in sanità

L'AOU Senese è tra le prime sei aziende sanitarie italiane ad aver applicato brillantemente il metodo “Lean” in sanità. E' quanto emerge dal rapporto “OASI 2013” del Centro Ricerche sulla Gestione dell'Assistenza Sanitaria e Sociale dell'Università Bocconi, che ha analizzato i cambiamenti in corso nella sanità italiana, con un approccio economico-aziendale.

“Su sei aziende sanitarie – spiega Giacomo Centini, direttore amministrativo AOUS e promotore del progetto – tre sono toscane, Siena, Firenze e Massa Carrara, segno evidente che nel nostro territorio c'è una grande attenzione al miglioramento continuo e alla riduzione degli sprechi”. Il metodo Lean, infatti, si propone di migliorare i processi di produzione attraverso la riduzione degli sprechi, favorendo la riduzione dei costi e dei tempi di produzione e realizzazione e una migliore qualità del servizio. “Inoltre – aggiunge Centini – l'approccio Lean, nel quale abbiamo tanto investito sia in termini di progetti realizzati, sia in termini di formazione del personale, si caratterizza anche per una forte attenzione alla riduzione della variabilità dei processi e alla riduzione dello stress e della frustrazione del personale coinvolto nelle attività”. I risultati del metodo Lean possono essere sia immediatamente quantificabili, sia relativi ad aspetti intangibili della qualità del servizio reso come la riduzione delle probabilità di commettere errori, il miglioramento del clima organizzativo, l'incremento della soddisfazione del paziente.

“In questo primo anno – continua Centini – tra i risultati quantificabili abbiamo ottenuto, in Medicina Interna, la riduzione media delle degenze pari a 2,5 giornate e l'aumento del 9% delle dimissioni mattutine. Per quanto riguarda il Pronto Soccorso, la prima struttura dove abbiamo attivato la nuova organizzazione, abbiamo migliorato il  percorso ortopedico, riducendo di 40 minuti medi la permanenza per il paziente, abbiamo aumentato la produttività degli ambulatori e i tempi di dimissione entro le 4 ore”. Altri settori dove sono stati ottenuti importanti risultati sono Radiologia, Malattie Respiratorie, la gestione della logistica, con  una riduzione del 30% dei materiali in giacenza.  “Il progetto – conclude Centini - che è portato avanti da un team dedicato chiamato GOALS, andrà avanti anche nel 2014 e porterà importanti miglioramenti anche nella riorganizzazione di tutta l'area chirurgica”.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.