IT   EN

Ultimi tweet

Sesso, quando l’ uomo si chiede: “Sarò nella norma?”. La cartina con la lunghezza media mondiale

La mappa realizzata da TargetMap che indica la lunghezza media del pene in erezione nei singoli stati: i Paesi in verde sono sopra la media

La guerra dei righelli non finisce alle scuole medie. Gli uomini avranno già capito che non si tratta di un problema di didattica ma di misure. Quelle più intime, che toccano la sfera psicologica e la vita sotto le lenzuola.

Ma quali sono i centimetri che fanno definire un pene normale? Secondo lo studio scientifico più accurato condotto finora, pubblicato sul British Journal of Urology International, le dimensioni standard corrispondono a 9,16 cm, in una condizione di riposo, e 13,12 cm in erezione.

I numeri nel mondo. Se l’apice (intorno ai 15-16 cm) lo toccano i sudamericani e gli africani, agli uomini italiani non va tanto male: tra i 14,88 e i 16,09 cm in erezione. Meno bene gli Stati Uniti, con una lunghezza media che oscilla tra gli 11,67 cm e i 13,47 cm. Male invece per cinesi, giapponesi, coreani e indiani che arrivano al massimo a 11,66 cm.

Le novità chirurgiche. Sebbene quindi la dimensione ridotta sia un problema limitato, sempre più uomini anche in Italia richiedono l’allungamento e l’ingrandimento chirurgico.  Il tema sarà al centro della relazione che il Professor Giovanni Alei, associato di Urologia alla Iª Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Roma "La Sapienza" e Presidente della Società Italiana Chirurgia Genitale Maschile (SICGEM), terrà oggi in occasione della VI edizione della Conferenza italiana per lo studio e la ricerca sulle ulcere, piaghe, ferite e la riparazione tessutale (CO.R.TE.), in programma a Roma al Palazzo dei Congressi (Piazza John Fitzgerald Kennedy, 1), presieduta dal Professor Nicolò Scuderi, direttore della Uoc di Chirurgia Plastica del Policlinico Umberto I.

In particolare, il Professor Alei illustrerà le innovazioni apportate in sala operatoria per rispondere alle richieste dei pazienti. “Le tecniche più attuali -  commenta Alei - consentono aumenti di dimensione intorno al 25-30% rispetto a quelle iniziali, restituendo sicurezza e piena facoltà di intraprendere una vita di relazione normale”.

In allegato il comunicato completo con i dati e la mappa realizzata da TargetMap che indica la lunghezza media del pene in erezione nei singoli stati: i Paesi in verde sono sopra la media, quelli in rosso si possono dire meno “fortunati”.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.