IT   EN

Ultimi tweet

SANTO SPIRITO IN SASSIA: AL VIA DOPO ANNI I LAVORI DI RESTAURO

Un nuovo polo museale nel cuore di Roma. La Regione Lazio al lavoro per  consegnare alla città e ai suoi visitatori il complesso monumentale Santo Spirito in Sassia, un luogo unico al mondo, con una serie di capolavori:dal ciclo di affreschi delle corsie sistine agli arazzi della Scuola di Bruxelles del XV secolo, dai resti villa di Agrippina alla Biblioteca Lancisiana.

Per la sua valorizzazione saranno chiamate a raccolta tutte le più importanti istituzioni culturali di Roma e del Paese. 

Nel frattempo procedono anche i lavori di ristrutturazione del pronto soccorso dell’Ospedale S. Spirito, su cui la Regione ha investito 1,5 milioni di euro, che consentiranno di triplicare la superficie dell’attuale pronto soccorso. E sono in corso anche, sempre con la Asl Roma E, i lavori sul complesso del S. Maria della Pietà, che ospiterà per il Giubileo l’Ostello di Roma.


Ecco cosa sta facendo la Regione per il complesso monumentale del Santo Spirito: 

3,6 milioni di euro per il restauro di questa struttura così importante. I lavori termineranno tra un anno e mezzo, ma nel frattempo la Regione ha voluto riaprire al pubblico la struttura: sta per partire infatti un servizio di visite organizzate che consentirà ai cittadini di Roma e ai pellegrini del Giubileo di ammirare e conoscere la storia uno dei luoghi più antichi e  belli della Capitale. Le possibilità da sfruttare sono molteplici: i servizi educativi e didattici, la promozione della salute e del benessere, ricerca storico-artistica e scientifica e l’incremento del turismo sul territorio. 

Il futuro museo esporrà circa 400 pezzi tra ceramiche e vetri farmaceutici, arazzi, sculture e rilievi, circa 300 tra opere pittoriche, disegni e stampe, numerosi affreschi, grottesche e altre decorazioni pittoriche parietali. Immenso anche il patrimonio bibliografico, con 20mila volumi a stampa di cui circa 60 incunaboli, 2.000 cinquecentine e 374 preziosi manoscritti di epoche diverse,  oltre a 2 codici pergamenacei degli scritti di Avicenna e il famoso Liber Fraternitatis Sancti Spiritu. 

Qualche curiosità. Il Complesso Monumentale Santo Spirito in Sassia comprende il primo ospedale per anziani, infermi e bambini illegittimi e abbandonati dalle loro madri: fu costruito nel 1204 per volere di Papa Innocenzo III e costituisce il primo esempio di architettura civile rinascimentale a Roma.

"Con i lavori per il restauro del complesso di Santo Spirito in Sassia, si donerà a Roma, alla città e al mondo un nuovo polo culturale di straordinaria bellezza e rilevanza ma soprattutto si chiude in positivo questa brutta storia – lo ha detto il presidente, Nicola Zingaretti, che ha aggiunto:  erano soldi impegnati da 10 anni, per problemi amministrativi e burocratici era tutto bloccato. Parliamo di opere di straordinario e inestimabile valore è vista l'importanza dell'ospedale Santo Spirito si parla di un pezzo della cultura di Roma - ha detto ancora Zingaretti”.

 

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.