IT   EN

Ultimi tweet

Sanita' Svizzera: Il crescente numero di anziani preoccupa Confederazione e Cantoni

Nell’ambito del «Dialogo sulla politica nazionale della sanità» la Confederazione e i Cantoni hanno discusso della nuova sfida delle cure di lunga durata. A questo proposito, il Consiglio federale sta elaborando una strategia. Un ulteriore tema dell'incontro è stata la conferenza nazionale sulle cure coordinate prevista per l’inizio del 2015.

Secondo le previsioni dell'Ufficio federale di statistica, la percentuale degli ultra sessantacinquenni in Svizzera è destinata a crescere, portandosi dal 17,1 per cento nel 2010 al 24,2 per cento nel 2030. Nello stesso arco di tempo, secondo le stime dell'Osservatorio svizzero della salute, il numero di anziani bisognosi di cure dovrebbe salire da 125 000 a oltre 180 000. In questo modo, i costi dei servizi Spitex e per le case di cura aumenteranno fortemente. Alle questioni finanziarie si aggiungono quelle di natura sociale: come assistere le persone bisognose di cure e che ruolo possono assumere i familiari? 

Per affrontare queste problematiche, il Consiglio federale ha deciso di elaborare una strategia per le cure di lunga durata, dando seguito a un postulato del Parlamento depositato nel 2012. Alla riunione del «Dialogo sulla politica nazionale della sanità» si è discusso delle cure di lunga durata che si presentano a Confederazione e Cantoni, delle strategie e delle soluzioni da adottare e delle modalità di collaborazione. Lo scopo è presentare, nel 2015, un pacchetto di provvedimenti. 

Per quanto riguarda il nuovo ordinamento del finanziamento delle cure, sono state affrontate le problematiche concernenti la rilevazione del fabbisogno di cure e al finanziamento residuo dei Cantoni.  Il finanziamento delle cure è stato modificato all'inizio del 2011 e i rappresentanti della Confederazione e dei Cantoni hanno discusso le possibilità e le modalità di una sua ottimizzazione. 

Un altro argomento trattato durante la riunione è stata la conferenza nazionale su «Sanità2020» dedicata alle cure mediche coordinate, che sarà organizzata da Confederazione e Cantoni e si terrà all'inizio del 2015. Altri punti affrontati sono stati l'assistenza medica di urgenza agli anziani e la gestione dei pazienti con malattie croniche, con l'obiettivo di ottenere una migliore assistenza sanitaria grazie alla collaborazione tra specialisti nel settore della sanità e istituzioni. In tal modo dovrebbero essere evitate specialmente cure inappropriate e oneri inutili e, in ultima analisi, verrebbero tagliati i costi. 

La riunione del «Dialogo sulla politica nazionale della sanità» del 28 agosto 2014 è stata la prima tenutasi dal nuovo consiglio direttivo della Conferenza svizzera delle direttrici e dei direttori cantonali della sanità (CDS) presieduto dal capo del Dipartimento della sanità e della socialità del Cantone di Berna, Philippe Perrenoud.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.