IT   EN

Ultimi tweet

RISCHIO CUORE E ICTUS CON LA BREXIT: LE STIME PARLANO DI 12.400 MORTI IN 10 ANNI

Migliaia di morti extra per malattie cardiache e ictus potrebbero diventare una realtà in Inghilterra nel prossimo decennio se la Gran Bretagna andrà avanti con la Brexit il 29 marzo. Lo afferma uno studio pubblicato sulla rivista online BMJ Open da ricercatori dell'Imperial College di Londra, dell'Università di Liverpool e dell'Università di Gda?sk in Polonia.

Il Regno Unito è fortemente dipendente dalle importazioni di frutta e verdura: rispettivamente 84% e 48% nel 2017, e, secondo i ricercati, i costi aumenteranno significativamente dopo la Brexit.

Ma una Brexit "senza accordo" sarà la più costosa e la più dannosa, calcolano, generando circa 12.400 morti in più per malattie cardiovascolari nel prossimo decennio in Inghilterra, a causa della diminuzione dell'assunzione di frutta e verdura.

La Brexit - l'imminente uscita del Regno Unito dall'Unione Europea (UE) tra un paio di mesi - avrà profonde implicazioni per molti settori ma pochi studi hanno esaminato il potenziale impatto sulla salute di questa scelta.

Per risolvere questo problema, i ricercatori hanno utilizzato il modello di politica alimentare IMPACT, che combina un'ampia gamma di dati sull'assunzione alimentare, economici e sanitari per stimare gli impatti potenziali di quattro diversi tipi di Brexit.

I quattro scenari: (1) accordo di libero scambio con l'UE e metà di quelli fuori dall'Europa che hanno accordi commerciali con l'UE; (2) accordo di libero scambio solo con l'UE; (3) Brexit no-deal senza accordi preferenziali con nessun paese e necessità di ripiegare sulle regole dell'Organizzazione mondiale del commercio (WTO);  (4) un "regime commerciale liberalizzato" in base al quale il Regno Unito opera secondo le regole della WTO, ma non ha alcuna tariffa imposta sulle importazioni di frutta e verdura.

Gli scenari presumono un aumento delle tariffe commerciali e dei costi di transazione - costi aggiuntivi per ulteriori controlli di frontiera - che il Regno Unito dovrà pagare sulle merci importate dopo Brexit.

I loro calcoli hanno dimostrato che una Brexit senza accordo porterebbe a maggiori aumenti dei prezzi. Ad esempio, aumenterebbe di quasi il 17% per le banane, di oltre il 14% per gli agrumi e di quasi il 15% per i pomodori.

L'assunzione di frutta e verdura, che è già al di sotto dei livelli raccomandati per oltre la metà della popolazione del Regno Unito, si ridurrebbe ulteriormente in ciascuno degli scenari. Ma ancora una volta, una Brexit senza accordo sarebbe associata al più grande calo previsto: circa l'11,4% per la frutta e oltre il 9% per le verdure.

Il numero di decessi associati a malattie cardiache e ictus aumenterebbe per ogni scenario Brexit ma uno senza alcun accordo sarebbe il più dannoso, con un aumento di 12.400 morti tra il 2021 e il 2030, equivalente a un aumento di quasi 2 %. Inoltre consentire un potenziale aumento annuale del 2% nella produzione nazionale di frutta e verdura per contrastare le importazioni più costose non ha sostanzialmente influenzato le stime di ricercatori. Pur essendo uno studio basato su modelli matematici e quindi basato su stime, i risultati sono in linea con altre analisi dei prezzi in un mondo post-Brexit. 

Altro aspetto da considerare sono i lavoratori impiegati nel settore :  attualmente circa 80.000 lavoratori stagionali, provenienti principalmente da paesi dell'UE, raccolgono prodotti coltivati nel Regno Unito. Senza la libera circolazione consentita dalle norme del mercato unico dell'UE, è probabile che diminuisca la disponibilità di questi prodotti freschi coltivati ??in patria, spingendo ulteriormente i prezzi in alto. E, per i ricercatori, la qualità e la sicurezza alimentare potrebbero anche risentire di un allentamento delle normative europee per aumentare la competitività commerciale.

"La politica commerciale post-Brexit potrebbe aumentare i prezzi e diminuire l'assunzione di frutta e verdura, aumentando così la mortalità delle malattie cardiovascolari in Inghilterra", scrivono gli autori dello studio-Il governo britannico dovrebbe quindi considerare attentamente le implicazioni della Brexit sulla salute della popolazione durante i prossimi negoziati e la pianificazione post-Brexit, in particolare i cambiamenti sfavorevoli ai sistemi alimentari".

 

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.