IT   EN

Ultimi tweet

Ricerca: Organi artificiali o bioartificiali. Congresso al Gemelli di Roma

Da pancreas, rene e fegato bioartificiali, fatti a metà di cellule umane e a metà di materiale sintetico, alla tiroide costruita in provetta con cellule staminali, dal cuore artificiale agli arti bionici collegati al cervello del paziente e quindi comandabili col pensiero: sono solo alcuni degli ultimi avanzamenti tecnologici della bioingegneria e ingegneria medica che verranno presentati al 41/imo Congresso Annuale della Società Europea degli Organi Artificiali – ESAO, che si è aperto oggi al Centro Congressi Giovanni XXIII dell’Università Cattolica del Sacro Cuore - Policlinico A. Gemelli di Roma dal 17 al 20 settembre.

Il Congresso, che ha come Presidente Onorario il preside di Medicina UCSC Prof. Rocco Bellantone, ha ricevuto anche il patrocinio del Ministero della Salute.

Il Congresso, spiega il Prof. Celestino Pio Lombardi, direttore dell'Unità di Chirurgia Endocrina del Gemelli/CIC dell’UCSC, presidente dell’evento insieme al Prof. Gerardo Catapano, ordinario di Bioingegneria industriale presso il Dipartimento di Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio e Ingegneria Chimica dell’Università della Calabria, è un appuntamento atteso da medici, ingegneri, chimici e fisiologi, tutti impegnati nella progettazione e realizzazione di organi e tessuti artificiali. Durante l’evento saranno presentati ben 164 poster scientifici e 116 presentazioni orali, nonché 76 letture di scienziati di tutto il mondo che cercheranno di identificare i limiti delle terapie oggi in uso e gettare la strada per lo sviluppo di trattamenti di nuova generazione veramente in grado di migliorare la qualità di vita dei pazienti, aiutandoli a raggiungere una condizione di benessere nonostante il loro problema di salute o disabilità fisica.

Non a caso il motto del congresso è “La felicità e il benessere del paziente: il Santo Graal della sostituzione di organi”, spiega il professor Lombardi.

 

Oggi quando parliamo di organi e tessuti artificiali possiamo includere moltissime parti del corpo, dallevalvole cardiache alle protesi vascolari, per la sostituzione di vene e arterie, ad organi veri e propri come fegato, rene, pancreas e cuore. “La chirurgia sostitutiva è sempre più avanzata e mira sempre di più a ridare funzionalità al paziente” – afferma Lombardi: vanno in questo senso le protesi di arti che siano “allacciate” al cervello del paziente tramite interfaccia uomo-macchina in modo che il paziente sia in grado di comandarle col pensiero e usarle “come” un arto naturale.

Tantissime le sessioni previste nella 4 giorni di lavori: da quelle dedicate al cuore artificiale a quelle dedicate al rene bioartificiale, dalle sessioni di bioingegneria dei tessuti e cellule staminali a quelle di terapia cellulare fino a varie sessioni dedicate allo sviluppo di biomateriali innovativi, plastiche e resine e membrane particolari.

“Ci aspettiamo – conclude il professor Lombardi - che una persona possa godere di una migliore qualità della vita sostituendo parti e organi del proprio corpo persi per svariati motivi. Vi è la forte volontà della ricerca di andare avanti, di fare rapidi progressi, si tratta di una ricerca transazionale dal laboratorio al letto del paziente, con ricadute cliniche che sono già attuali. In futuro questi organi e materiali bioartificiali potrebbero contribuire a snellire le liste d’attesa di trapianti da donatori o potrebbero aiutare pazienti oggi non idonei al trapianto d’organo”.

 

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.