IT   EN

Ultimi tweet

RACE FOR THE CURE COMPIE 20 ANNI. LE NOVITA' DELL' EDIZIONE 2019

Dal 16 al 19 maggio al Circo Massimo di Roma torna l’appuntamento con la Race for the Cure, la più grande manifestazione al mondo per la lotta ai tumori del seno, organizzata dall’Associazione Susan G. Komen Italia.

Quest’anno la Race di Roma compie 20 anni e, per l’occasione, sono previstesei edizioni nelle città di Roma (16-19 maggio), Bari (17-19 maggio), Bologna e Pescara (20-22 settembre), Brescia e Matera (27-29 settembre). Alle quattro edizioni dello scorso anno si aggiungono infatti quelle di Pescara e Matera.

Il 16 maggio il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella riceverà al Quirinale una delegazione di Komen Italia prima dell’inaugurazione ufficiale della manifestazione, che avverrà alle ore 11 al Circo Massimo alla presenza della figlia Laura Mattarella.

L’edizione 2019 della manifestazione si arricchisce di nuove iniziative e, per la prima volta, la Race for the Cure di Roma si svolgerà in contemporanea a quella di Bari. 
Tra le novità: ancora più laboratori, ancora più consulenze specialistiche ed esami diagnostici, ingressi gratuiti nei musei a tutti gli iscritti alle 6 edizioni, la partecipazione attiva di molte Federazioni Sportive, la mostra fotografica dedicata ai 20 anni della Race for the Cure, la partecipazione di CNA Impresa Donna.

Dal 2000 a oggi Komen Italia ha investito più di 17 milioni di euro in oltre 850 nuovi progetti per la salute delle donne. Grazie ai fondi raccoltinell’edizione 2018 della Race for the Cure, ha potuto sostenere 93 nuovi progetti di associazioni impegnate nella lotta ai tumori del seno in 17 regioni italiane, oltre a “La Carovana della Prevenzione” che, con le sue cliniche mobili ha già erogato oltre 18.400 prestazioni gratuite in 14 regioni italiane.

 

IL PROGRAMMA DELLA DOMENICA

Domenica 19 maggio alle ore 9:40 tutti i partecipanti si ritroveranno ai nastri di partenza per la tradizionale corsa di 5 km, sia competitiva che amatoriale, o per la passeggiata di 2 km. Tante le Autorità previste per il momento più importante della manifestazione.

I percorsi, che partiranno da via Petroselli (Bocca della Verità) e si snoderanno nelle vie del centro di Roma.

Al termine della corsa e della passeggiata si svolgerà la cerimonia di premiazione, alla presenza della fondatrice della Susan G. Komen – Nancy Brinker – e della Presidente della Fondazione americana – Paula Schneider.Per iscriversi alla Race la donazione minima è di 15 euro, ma donando 20 euro o più i partecipanti contribuiranno al progetto Carovana della Prevenzione.

L’iscrizione alla Race for the Cure dà diritto a ricevere – fino a esaurimento – il pettorale, la borsa gara con i tanti omaggi delle aziende partner e la popolare t-shirt da collezione della manifestazione.

La Race for the Cure si svolge sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il patrocinio e la partecipazione di Regione Lazio, Roma Capitale, C.O.N.I.Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS, Esercito Italiano, Arma dei Carabinieri, Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, LUISS,Commissione Difesa Vista Onlus, CNA Impresa Donna, Responsabilità Sociale Rai, Fondazione Ordine Avvocati di Roma, Federazione Italiana di Atletica Leggera, Federazione Italiana Pallavolo, Federazione Italiana Pallacanestro, Federazione Italiana Golf, Federazione Italiana Badminton, Federazione Italiana Dragon Boat, Federazione Italiana Cuochi.

La Race for the Cure si avvale anche del contributo di numerose aziende sensibili alle tematiche della salute e della prevenzione.

Come sempre, la manifestazione è dedicata alle “Donne in Rosa”, donne che stanno affrontando o hanno affrontato il tumore del seno, vere protagoniste del cambiamento culturale nell’approccio alla malattia. Con la loro speciale maglietta rosa, oltre a sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce, mandano un forte messaggio di incoraggiamento e di speranza alle tantissime donne che si stanno confrontando con la malattia. Nel 2018, una marea di oltre 6.000 Donne in Rosa ha colorato festosamente l’affascinante percorso di 5 kmdella Race for the Cure tra le meraviglie archeologiche del centro di Roma.

Lo scorso anno, alle quattro Race italiane si sono iscritti oltre 120.000 partecipanti, dei quali più di 72.000 a Roma. E per quest’anno l’obiettivo è di battere nuovamente entrambi i record. Per vincere questa sfida, l’associazione ha lavorato insieme a centinaia di volontari, alle due madrine della manifestazione – le attrici Maria Grazia Cucinotta Rosanna Banfi – ai tanti “Capitani Famosi”, alle associazioni e alle aziende partner, avvalendosi anche dello straordinario spot d’autore della Race.

 

IL CINEMA D’AUTORE INSIEME A SUSAN G. KOMEN ITALIA


Lo spot ufficiale dell’edizione 2019, generosamente realizzato per il secondo anno consecutivo da Cattleya parte di ITV Studios, vuole sottolineare l’importanza del sostegno e della condivisione nel percorso di cura di una donna con il tumore del seno.  

Firmato dal regista Daniele Luchetti e scritto a due mani da Marco Diotallevi e Fabio Morici per Plural, il video riflette in modo interessante lo sguardo maschile su una problematica così delicata della salute femminile.

Tra gli interpreti: Cristiana CapotondiRoberto Ciufoli ed Elena Bouryka, oltre alla partecipazione amichevole delle ragazze della squadra di pallavolo Polisportiva Dilettantistica Talete. Lo spot, grazie alla generosità del Segretariato Sociale di RAI e MediaFriends, di Fox Life, di Sky, di La7, di Discovery Italia, di ANICA e di FilmAuro sarà trasmesso nelle principali reti televisive, media e sale cinematografiche nazionali.

 

LA PARTECIPAZIONE DEI “CAPITANI FAMOSI”

Anche quest’anno, numerosi personaggi del mondo della cultura, dello spettacolo e dello sport si sono messi in gioco per aiutare la Susan G. Komen Italia a stabilire il nuovo record di partecipanti. Con l’iniziativa Capitani Famosi, sono stati in molti a chiamare a raccolta i propri fan, attraverso video pubblicati sulla pagina Facebook di Komen Italia e sui propri profili personali, invitandoli a formare delle squadre per partecipare insieme alla Race for the Cure. Tra i tanti Capitani Famosi, hanno già aderito Alessandra Amoroso, Beppe Carletti dei Nomadi, Milly Carlucci, Paola Cortellesi,Valeria GolinoAscanio Pacelli e Katia PedrottiMax PaiellaLaura PausiniGiuliano PepariniSamuel PeronGiorgio RoccaGiuliano SangiorgiRicky Tognazzi e Simona Izzo.

*Elenco completo dei Capitani Famosi 2019 nel comunicato in cartella.


LE NOVITÀ DELL’EDIZIONE 2019: ARTE, CULTURA, CURA E SOLIDARIETÀ

Ø  INGRESSO GRATUITO NEI MUSEI PER TUTTI GLI ISCRITTI

La cultura è una potente medicina per corpo e mente. Parte da questo presupposto il protocollo di intesa con ilMinistero dei Beni e delle Attività Culturali che, per il secondo anno, prevede l’ingresso gratuito ai musei per tutti gli iscritti alle sei edizioni della Race for the Cure. Gli iscritti alle Race for the Cure di Roma (16-19 maggio), di Bari (17-19 maggio), di Bologna e Pescara (20-22 settembre), di Brescia e Matera (27-29 settembre),mostrando la ricevuta di iscrizione o il pettorale di gara, potranno accedere gratuitamente con un accompagnatore ai principali musei, monumenti e parchi archeologici statali delle rispettive città. Gli elenchi dei musei aderenti, in costante aggiornamento, sono consultabili su www.komen.it

Ø  L’ARTE DELLA SOLIDARIETÀ: ARTHEMISIA E KOMEN ITALIA INSIEME PER LA LOTTA AI TUMORI DEL SENO

L’Arte della Solidarietà è la nuova iniziativa legata alle mostre d’arte, realizzata da Arthemisia insieme a Komen Italia per convertire la generosità in progetti concreti sul territorio.

Con la mostra “Chagall. Sogno d’amore”, aperta al pubblico dal 15 febbraio nella Basilica di Pietrasanta a Napoli, ha preso il via l’innovativa iniziativa di solidarietà che lega la cultura alla salute. Arthemisia devolverà una parte degli incassi provenienti dalla vendita dei biglietti di ingresso alle mostre per realizzare progetti concreti, condivisi e raccontati passo dopo passo a tutti i visitatori.

Ø  MOSTRA FOTOGRAFICA, 20 ANNI DI RACE FOR THE CURE

Un percorso di 100 fotografie per raccontare i 20 anni della Race for the Cure in Italia, attraverso scatti che ritraggono i personaggi, le partenze, le città, le Donne in Rosa, i medici e i volontari che hanno dato vita alla più grande manifestazione al mondo per la lotta ai tumori del seno. Volti, momenti, impressioni che raccontano la storia della Race for the Cure. Il progetto fotografico è realizzato con il fondamentale contributo dei fotografi volontari della Race for the Cure ed è introdotto da Alvaro Moretti, vicedirettore de Il Messaggero e storico sostenitore della manifestazione.

Ø  “EMOTIONAL ROOM”

Un’importante novità sarà la “Emotional Room”, un’installazione immersiva di forte impatto emotivo, ideata dall’architetto Vincenzo Capalbo per favorire momenti di riflessione individuale. I visitatori, in un’atmosfera onirica, sospesi fra cielo e terra, entreranno in uno spazio evocativo e all’uscita potranno trascrivere sul Muro delle Emozioni ricordi e sensazioni da dedicare alle Donne in Rosa.

Ø  10.000 MEDAGLIE PER IL VENTENNALE REALIZZATE DAL POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO

Il Poligrafico e Zecca dello Stato realizzerà una medaglia in ottone (diametro 26,95 mm, spessore 2 mm, peso 9,30 gr). La medaglia è prodotta in 10.000 esemplari per celebrare i 20 anni della Race for the Cure in Italia.

 

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.