IT   EN

Ultimi tweet

Quanto si litiga in Svizzera? e in Ticino? Tutti i dati del barometro TCS delle controversie

 

Il Touring Club Svizzero lancia il barometro svizzero delle controversie. Questa vasta inchiesta riporta i motivi di litigio degli Svizzeri in funzione della loro frequenza, in quale regione vivono le persone che ricorrono maggiormente alle vie legali e la differenziazione dei litigi tra uomini e donne.

Queste prime 2 edizioni del barometro delle controversie si riferiscono alle vertenze giuridiche nel settore del diritto della circolazione stradale e alla protezione giuridica immobiliare. Le cifre si basano sul portafoglio clienti dell’assicurazione di protezione giuridica TCS Assista nel ramo immobiliare, che annovera circa 27mila polizze. 

Le analisi del barometro delle controversie si basano sul portafoglio del TCS della sua assicurazione di protezione giuridica circolazione, che conta circa 263'000 polizze e più precisamente sulle procedure di protezione giuridica aperte o concluse nel 2018.

I Ticinesi non scherzano quando è in ballo il loro alloggio: nessuno litiga di più per le proprie quattro mura

Nella classifica delle contese sulla proprietà immobiliare, il Ticino svetta al primo posto. Se, nella media svizzera, meno di un’economia domestica su venti è coinvolta annualmente in una questione del genere, in Ticino questa proporzione sale a più del doppio. Inoltre, la differenza è ancora più vistosa nei litigi sui rapporti di vicinato: in Ticino questi litigi sono quattro volte più numerosi che nell’Arco lemanico. Per contro, in Ticino i costi giuridici delle liti tra vicini sono nettamente i più bassi: quasi dieci volte inferiori rispetto la Svizzera centrale, la regione più costosa. 
 
I litigi tra vicini si protraggono più a lungo nella Svizzera centrale e orientale

Se si considera la durata delle controversie di vicinato, risulta che le procedure più lunghe si hanno nella Svizzera orientale e centrale. Esse durano, mediamente per caso, rispettivamente 506 e 498 giorni: più di quattro volte più a lungo del Ticino. Confrontando la durata dei litigi di vicinato in base ai gruppi d’età, emerge che per i «tradizionalisti» (gruppo d’età 66 anni e più) si protraggono, in media, quasi per un anno, mentre per la generazione X (36 – 50 anni) appena sei mesi. 

Le donne difendono le loro quattro mura più tenacemente degli uomini

Dallo studio risulta che le donne proprietarie di un alloggio litigano un po’ più sovente dei proprietari maschi, in rapporto del 54% contro il 46%. Per contro, in queste vertenze, gli uomini provocano costi del 25% superiori a quelle delle donne e le procedure durano in media 6 settimane di più. 

Zurighesi e Ginevrini ricorrono maggiormente alle vie legali

Nelle regioni di Zurigo e Ginevra, ogni anno quasi quattro persone su cento promuovono una vertenza giuridica in seguito ad un incidente stradale o ad una questione in relazione al loro veicolo, con una frequenza superiore di circa il 50% rispetto alle altre cinque grandi regioni della Svizzera. Mentre le vertenze riguardanti le infrazioni alle prescrizioni sulla circolazione stradale sono in proporzione quasi due volte più numerose tra gli Zurighesi rispetto a quelle riscontrate sull’Altopiano o in Ticino.

Il ricorso alle vie legali diminuisce con l’aumentare dell’età

Se si confronta la frequenza delle controversie nella mobilità motorizzata in relazione all’età, risulta che essa decresce nettamente con l’aumentare dell’età stessa. Per esempio, la fascia d’età tra i 18e i 35 anni, con circa quattro vertenze ogni cento persone, è coinvolta per quasi il doppio in contese giuridiche rispetto al gruppo di età dai 66 anni in avanti.

Gli uomini sono in conflitto il doppio delle volte ma le donne “litigano” più a lungo

L’analisi comparativa dei risultati fra i generi dimostra che gli uomini sono all’origine dei due terzi dei casi giuridici, quindi due volte più delle donne. Particolarmente pronunciata è la differenza sulle infrazioni delle prescrizioni sulla circolazione e sugli incidenti stradali: soltanto 1⁄4 di queste liti sono attribuibili alle donne, mentre gli uomini sono responsabili del 75% restante. Altre divergenze: le vertenze promosse dagli uomini costano in media il 25% di più rispetto a quelle delle donne; in cambio, le donne rimangono in liti più a lungo; quest’ultime durano in media quasi un mese di più, rispetto a quelle degli uomini.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.