IT   EN

Ultimi tweet

Pronta la valutazione del rapporto sull' inquinamento fonico nell' aeroporto di Zurigo

La società Aeroporto di Zurigo SA (FZAG) ha documentato per la prima volta, in un rapporto presentato all'Ufficio federale dell'aviazione civile (UFAC), lo stato dell'inquinamento acustico nell'aeroporto di Zurigo rispetto a quanto prescritto dall'ordinanza contro l'inquinamento fonico (OIF).

Nel 2015 i valori registrati durante il giorno rispettavano ampiamente quelli previsti dall'OIF, mentre durante la notte è stato rilevato un superamento talvolta notevole dei valori consentiti. Per il prossimo rapporto relativo al 2016 la FZAG dovrà prendere in esame alcune misure concrete per migliorare la situazione.

Il Piano settoriale dell'infrastruttura aeronautica (PSIA) obbliga la società Aeroporto di Zurigo SA (FZAG) a presentare ogni anno all'Ufficio federale dell'aviazione civile (UFAC) un rapporto sul grado di rispetto dei valori di inquinamento acustico consentiti nel settore dell'aviazione. L'UFAC aveva fissato nel gennaio del 2015 i valori vincolanti per l'aeroporto di Zurigo. A fine settembre 2016 la FZAG ha presentato all'UFAC il primo rapporto di monitoraggio relativo all'esercizio 2015. Da esso emerge che i valori imposti dalla legge per le ore diurne sono stati rispettati, tranne poche eccezioni dovute alle condizioni atmosferiche; nelle prime due ore della notte (dalle 22 alle 24) è stato registrato invece il superamento, talvolta notevole, dei valori consentiti.

L'UFAC e l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) hanno esaminato il rapporto di monitoraggio e sentito i Cantoni di Argovia, Sciaffusa e Zurigo, tutti e tre interessati direttamente dal superamento dei valori limite di inquinamento acustico. Basandosi sui pareri espressi dai Cantoni, l'UFAM e l'UFAC chiedono ora ulteriori chiarimenti e prove da fornire nel prossimo rapporto relativo al 2016, atteso per la fine di settembre.

Richiedono, in particolare, ulteriori prove in merito ai ritardi dell'intero esercizio diurno e notturno e alle loro cause nonché chiarimenti su un programma di misure con il quale l'aeroporto, insieme al servizio di navigazione aerea Skyguide e alla compagnia Swiss, intende ridurre i ritardi. Dovranno essere valutate anche eventuali altre misure relative alle tasse sull'inquinamento acustico aereo e per il rinnovo della flotta. L'aeroporto deve esprimersi, inoltre, in merito alla possibilità di mettere a disposizione meno slot (finestre temporali per atterraggi e decolli) nelle ore serali. La documentazione dell'aeroporto e il rapporto di valutazione dell'UFAC sono disponibili sul sito dell'UFAC.

 

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.