IT   EN

Ultimi tweet

Prevenzione farmacologica dei tumori: scoperto il meccanismo di azione anti-cancro dei FANS

La prestigiosa rivista British Journal of Cancer del gruppo editoriale Nature pubblica una ricerca finanziata da AIRC e da Fondazione Cariplo svolta da ricercatori dell’Università Statale di Milano con la collaborazione di colleghi dell’Istituto Europeo di Oncologia e dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, nella quale per la prima volta viene identificato il meccanismo d’azione alla base dell’attività antineoplastica dei FANS. Oltre alla più nota aspirina, numerosi sono i farmaci di uso comune che appartengono a questa classe, come ad esempio ketorolac, diclofenac e ibuprofene, utilizzati normalmente come anti-infiammatori, analgesici o antipiretici in diverse condizioni patologiche.

Link: https://www.nature.com/articles/s41416-018-0372-7

Come spiega il Professor Paolo Ciana, del Dipartimento di Oncologia ed Emato-Oncologia, Università degli Studi di Milano, coordinatore del gruppo di ricerca: “In studi preclinici e anche clinici, alcuni FANS hanno dimostrato un’interessante attività preventiva sull’insorgenza di tumori, tuttavia, per i noti effetti collaterali (gastro-intestinali, renali, epatici e cardiaci) che insorgono quando vengono assunti per lunghi periodi di tempo, essi non sono utilizzabili per trattamenti preventivi. Tali effetti collaterali sono causati in massima parte dall’inibizione di enzimi chiamati cicloossigenasi responsabili della loro attività anti-infiammatoria. Il nostro lavoro ha dimostrato che l’azione antineoplastica dei FANS non si esplica con l’inibizione delle cicloossigenasi, ma attraverso un altro bersaglio molecolare, una deacetilasi chiamata SIRT1.” La Dottoressa Giulia Dell’Omo, primo nome firmatario dell’articolo, precisa: “La scoperta permette di sviluppare nuovi FANS con attività antineoplastica, senza produrre gli effetti collaterali dei farmaci attualmente in commercio dovuti all’attività anti-infiammatoria dipendente dall’azione sulle cicloossigenasi.”

Nella sua lista di domande chiave per la lotta al cancro, il Prof. Harold Varmus, vincitore del premio Nobel per la medicina e fisiologia nel 1989, direttore dell’NIH (National Institute of Health) e dell’NCI (National Cancer Institute) americani, ha inserito la elucidazione del meccanismo anti-tumorale dei FANS come uno dei maggiori passi in avanti nella prevenzione del cancro (https://provocativequestions.nci.nih.gov/archives/expired-rfas-and-pqs/2011/rfa-archive-2011-prevention#). 

Effettivamente, considerando che più di 9 milioni di persone sono decedute nel mondo a causa di questa malattia nel 2018, la strategia della prevenzione attiva attraverso trattamenti farmacologici appare sempre di più come una necessità: l’approccio preventivo farmacologico ha enormi potenzialità considerando che nell’ambito cardiovascolare esso è stato in grado di dimezzare (malattie cardiache) o addirittura ridurre di due terzi (malattie cerebrovascolari) i decessi.Gli studi di genomica in questi anni hanno permesso di identificare marcatori precoci del rischio di malattia tumorale, ora è necessario sviluppare nuovi agenti per la chemioprevenzione dei tumori, che costituiscano un armamentario efficace nelle mani dei clinici per trattare quei soggetti identificati come portatori di un rischio elevato di sviluppare una neoplasia. 

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.