IT   EN

Ultimi tweet

Premio Grande Ippocrate: focus sulle malattie rare

È in programma il 1° ottobre, a Milano, la cerimonia di assegnazione del Premio Grande Ippocrate 2014, attribuito Flora Peyvandi, ematologa milanese di origine iraniana esperta nelle malattie rare del sangue. Proprio alle malattie rare, patologie a bassissima prevalenza ma che, nel loro insieme, colpiscono circa due milioni di persone nella sola Italia, è dedicata la tavola rotonda a margine della premiazione.

 

Il Premio Grande Ippocrate, giunto quest’anno alla sua sesta edizione, è promosso da UNAMSI (Unione Nazionale Medico Scientifica di Informazione) e Novartis per valorizzare i ricercatori in area biomedica che, all’eccellenza del lavoro scientifico, uniscono un’efficace opera di divulgazione nei confronti del grande pubblico.

 

L’impegno di UNAMSI per la formazione di una cultura della comunicazione scientifica si concretizza anche nell’edizione 2014 del Premio Grande Ippocrate, e in particolare in questa tavola rotonda. Siamo certi di dare così un apporto sostanziale per la crescita di un giornalismo scientifico di qualità”, ha affermato Francesco Brancati, Presidente UNAMSI.

 

La crescita e la diffusione di una corretta informazione scientifica, fruibile anche dai non esperti, è un’esigenza sempre più avvertita, in un momento nel quale il moltiplicarsi delle fonti, soprattutto via web, rende difficoltoso verificare l’attendibilità e la serietà di notizie relative ad ambiti delicati come quello della salute.

 

Gaia Panina, Chief Scientific Officer di Novartis Farma, commenta “Un’informazione medico scientifica corretta e comprensibile a tutti è decisiva per tutelare i pazienti e salvaguardare l’innovazione. Questo vale in particolare per le malattie rare, sulle quali oggi il Premio Grande Ippocrate punta i riflettori. La strategia della ricerca Novartis, focalizzata sulla scienza e su importanti bisogni terapeutici insoddisfatti, viene incontro proprio alla necessità di sviluppare farmaci in quest’area, che rappresenta, in misura crescente, una priorità”.

 

Flora Peyvandi, la vincitrice del Premio Grande Ippocrate 2014, è Professore Associato di Medicina Interna all’Università degli Studi di Milano, Responsabile del Centro Emofilia e Trombosi Angelo Bianchi Bonomi e Direttore della UOC Ematologia non Tumorale e Coagulopatie alla Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano.

Il riconoscimento le viene conferito per la sua attività di ricerca e divulgazione scientifica, in particolare sui disordini emorragici e trombotici (emofilia, malattia di von Willebrand, malattie rare della coagulazione, trombosi arteriosa e venosa, microangiopatie trombotiche).

 

Dalle ricerche e dal profilo professionale della premiata prende le mosse la tavola rotonda dal titolo “Malattie rare: orfane d’informazione?” in programma al termine della manifestazione.

Sulle malattie rare si concentra in misura crescente l’impegno della ricerca medica, indirizzata verso una sempre più marcata ‘targettizzazione’ e personalizzazione delle terapie: è certamente questa una delle più promettenti frontiere dell’innovazione medica. La ricerca in questo campo, inoltre, può avere ricadute molto importanti anche nel miglioramento dei trattamenti per patologie già ben note e diffuse.

 

Tuttavia c’è ancora un evidente deficit di informazione in merito alle malattie rare, non solo nei confronti del grande pubblico ma anche verso la comunità scientifica, i medici di base, le istituzioni preposte alla valutazione e al controllo dei farmaci, le aziende farmaceutiche.

 

Sulle cause e i rimedi di questa situazione insoddisfacente si confronteranno, nel corso della tavola rotonda, la premiata Flora Peyvandi; Nicola Miglino, giornalista scientifico responsabile rapporti istituzionali UNAMSI; Domenica Taruscio, Direttore Centro Nazionale Malattie Rare, Istituto Superiore di Sanità; Roberto Ferrari, Direttore Cattedra di Cardiologia, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara; l’allergologo Alessandro Fiocchi, Responsabile Allergologia Dipartimento di Medicina Pediatrica, Ospedale Bambino Gesù di Roma; Mario Melazzini Assessore Attività produttive, Ricerca e Innovazione della Regione Lombardia e Gaia Panina, Chief Scientific Officer di Novartis Farma.

L’incontro sarà moderato da Adriana Bazzi, inviato del Corriere della Sera.

L’appuntamento è per il 1° ottobre a Palazzo Pirelli Regione Lombardia alle ore 17.00 in sala Pirelli.

 

 

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.