IT   EN

Ultimi tweet

Nuovi modelli predittivi per il carcinoma epatocellulare (HCC), dopo il trattamento con successo del virus dell'epatite C (HCV) #ILC2020 #EASL

Prevedere chi potrebbe sviluppare un carcinoma epatocellulare (HCC) dopo il successo del trattamento dell'infezione da virus dell'epatite C cronica (HCV) può ora essere più facile grazie al lavoro di due gruppi di ricerca indipendenti, provenienti da Francia ed Egitto. 

Gli studi, presentati al Digital International Liver Congress ™ (DILC) 2020, includevano coorti di pazienti con infezione cronica da HCV che hanno ottenuto una risposta virologica sostenuta (SVR) alla terapia antivirale ad azione diretta (DAA) e tutti i parametri clinici utilizzati per trovare quelli a rischio più basso e più alto di sviluppare HCC in futuro. Questo, dicono, potrebbe aiutare a individualizzare la sorveglianza dell'HCC e rilevare l'HCC dopo che l'HCV è stato curato il prima possibile.

Il trattamento a base di DAA può raggiungere una SVR in oltre il 95% dei pazienti con infezione cronica da HCV. 1 Nonostante l'eradicazione virale, tuttavia, i pazienti con HCV cronico continuano ad avere un rischio residuo di HCC, specialmente quelli con grave malattia epatica sottostante e / o comorbidità. 2,3 Fattori di rischio e modelli di previsione per HCC sono meglio compresi nei pazienti con infezione da HCV prima dell'eradicazione, ma questi non sono stati ancora stabiliti nei pazienti che ottengono una SVR con la terapia DAA.

Un importante lavoro statistico è stato presentato dal gruppo francese utilizzando i dati di soggetti con cirrosi compensata provata da biopsia della coorte prospettica di pazienti francesi ANRS CirVir . Hanno mirato a identificare specifici profili longitudinali associati a pazienti che potrebbero sviluppare HCC dopo l'eradicazione dell'HCV in base all'alfa fetoproteina sierica (AFP) e ai biomarcatori sierici di routine (gamma-glutamil transferasi [GGT], alanina aminotransferasi [ALT] e aspartato aminotransferasi[AST]). In questa coorte, un totale di 142/717 pazienti con HCV al basale e 47/413 che hanno raggiunto la SVR hanno sviluppato HCC, nel corso di un periodo di follow-up mediano di 74,2 mesi. 

Tra coloro che hanno raggiunto la SVR, i ricercatori hanno identificato due distinti tipi di pazienti ad elevato rischio di sviluppare HCC: un cluster con parametri sierici elevati (n = 95; 13,7% di incidenza di HCC) e uno con funzionalità epatica compromessa (n = 109; 15,6 % Incidenza di HCC). Un terzo gruppo di pazienti, i cui livelli di AFP e marker biochimici tendevano alla normalizzazione, aveva un'incidenza inferiore di HCC (n = 228; incidenza del 7,5%). L'esame della popolazione pre-SVR ha anche mostrato gruppi di pazienti con un peggioramento globale della funzionalità epatica (n = 198; incidenza del 26,8%) o una traiettoria di livelli crescenti di AFP e biomarcatori sierici (n = 190; incidenza del 25,3%). Ancora, 

"Queste analisi, basate su nuovi metodi statistici, suggeriscono che la sorveglianza HCC può essere perfezionata e migliorata al fine di adattare la gestione del paziente per ottenere risultati ottimali e aumentare il rapporto costo-efficacia", ha spiegato il relatore e responsabile dello studio Dr Pierre Nahon di Assistance Publique - Hôpitaux de Paris , Hôpital Jean Verdier, Francia.

In termini pratici, una migliore conoscenza di chi è maggiormente a rischio di sviluppare HCC potrebbe avere un impatto importante su come vengono implementati i programmi di screening. Avvicinandoci a questo obiettivo, sia il gruppo di ricerca dalla Francia che un altro dall'Egitto hanno presentato potenziali sistemi di punteggio per raggiungere questo obiettivo. Lo studio ANRS C022 HEPATHER ha utilizzato i dati di una vasta coorte di epatite B o C, selezionando 7.752 individui con HCV cronico che erano privi di HCC, non avevano antigeni del virus dell'epatite B rilevabili e avevano raggiunto una SVR 12 settimane dopo il trattamento con DAA. Gli individui sono stati seguiti per una mediana di 2,2 anni (range interquartile 1,2-3,3 anni), durante i quali 220 (2,8%) hanno sviluppato HCC. Otto variabili indipendenti sono state trovate associate alla presenza di HCC: sesso maschile, età> 64 anni alla SVR, fibrosi epatica avanzata (punteggi di fibrosi di 3 o 4 [F3 o F4]), HCV genotipo 3, presenza di varici esofagee, AFP sierica al basale> 5,5 ng / ml, indice di rapporto AST / piastrine (APRI)> 2 alla fine del trattamento e precedenti regimi a base di interferone con o senza ribavirina.

 Il team ha quindi sviluppato un punteggio di rischio HCC utilizzando queste variabili, consentendo la stratificazione dei pazienti in tre gruppi in base al livello di rischio HCC (alto, intermedio, basso) a 1 e 3 anni dopo il trattamento. È stato riscontrato che il punteggio di rischio HCC ha una buona prestazione predittiva; la maggior parte degli individui valutati (76,5%) rientrava nel gruppo a basso rischio a 3 anni, con un'incidenza di HCC <1,5%. Il team ha quindi sviluppato un punteggio di rischio HCC utilizzando queste variabili, consentendo la stratificazione dei pazienti in tre gruppi in base al livello di rischio HCC (alto, intermedio, basso) a 1 e 3 anni dopo il trattamento. È stato riscontrato che il punteggio di rischio HCC ha una buona prestazione predittiva; la maggior parte degli individui valutati (76,5%) rientrava nel gruppo a basso rischio a 3 anni, con un'incidenza di HCC <1,5%.

 Il team ha quindi sviluppato un punteggio di rischio HCC utilizzando queste variabili, consentendo la stratificazione dei pazienti in tre gruppi in base al livello di rischio HCC (alto, intermedio, basso) a 1 e 3 anni dopo il trattamento. È stato riscontrato che il punteggio di rischio HCC ha una buona prestazione predittiva; la maggior parte degli individui valutati (76,5%) rientrava nel gruppo a basso rischio a 3 anni, con un'incidenza di HCC <1,5%.

"Questi risultati possono permetterci di indirizzare la nostra sorveglianza verso coloro a più alto rischio durante i primi 3 anni dopo SVR", ha detto la professoressa Nathalie Ganne-Carrié, anche di Assistance Publique - Hôpitaux de Paris, Hôpital Jean Verdier, Francia, che ha presentato lo studio risultati all'ILC 2020.

Lavorando allo stesso obiettivo, i ricercatori dell'Egyptian Liver Research Institute and Hospital hanno intrapreso uno studio prospettico in cui sono stati seguiti 2.326 pazienti con infezione cronica da HCV e fibrosi epatica avanzata o cirrosi epatica (F3 o F4) che hanno raggiunto una SVR per una media di 24 mesi (intervallo 12–45 mesi). Centonove pazienti (4,7%) hanno sviluppato HCC durante il periodo di follow-up. I fattori di rischio per l'HCC erano simili a quelli osservati dal gruppo francese, sebbene nello studio egiziano sia stato identificato un numero inferiore di fattori: età, sesso, albumina sierica, AFP e stadio di fibrosi pretrattamento. 

Utilizzando queste variabili, è stato quindi sviluppato un semplice sistema di punteggio, che ha stratificato i pazienti in gruppi a basso, medio e alto rischio con una buona accuratezza predittiva. L'incidenza cumulativa a 2 anni di HCC in questi gruppi è stata del 2,0%, 4,5% e 10,3%, rispettivamente. Se convalidato, affermano i ricercatori, il semplice sistema di punteggio potrebbe aiutare a individualizzare lo screening per l'HCC dei pazienti con infezione da HCV dopo il successo del trattamento DAA.

“Questi tre studi riflettono la complessità dei epatocarcinogenesi comprensione e confutano l'idea che la cura di HCV è pari a eliminare il rischio di cancro al fegato”, ha detto il dottor Jordi Bruix, dell' Hospital Clinic di Barcellona, Spagna, e membro del consiglio di amministrazione EASL. “I punteggi proposti rappresentano potenzialmente un utile strumento clinico per aiutare a informare i pazienti sul rischio di sviluppare HCC dopo la guarigione dell'HCV. Questi dati rafforzano anche l'importanza di implementare programmi di screening per l'HCC nei pazienti trattati con DAA e la necessità di rafforzare gli sforzi di ricerca per identificare le cause dello sviluppo del cancro al fegato nonostante la cura dell'HCV ".

1. Su F, Ioannou GN. Hepatocellular carcinoma risk after direct-acting antiviral therapy.
Clin Liver Dis (Hoboken). 2019;13(1):6–12.
2. El-Serag HB, et al. Risk of hepatocellular carcinoma after sustained virological response
in veterans with hepatitis C virus infection. Hepatology. 2016;64(1):130–7.
3. Adhoute X, et al. Impact of direct-acting antiviral agents on the risk for hepatocellular
carcinoma. Transl Gastroenterol Hepatol. 2017;2:110.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.