IT   EN

Ultimi tweet

Migliorare la salute delle madri e dei bambini immigrati in Svizzera

Un rapporto adottato dal Consiglio federale indica che in Svizzera i problemi di salute sono più frequenti nelle madri e nei lattanti con background migratorio che nelle puerpere e nei neonati svizzeri.

Occorre quindi migliorare ulteriormente la salute di questo gruppo della popolazione con diverse misure.

A dipendenza del Paese di provenienza, le interruzioni di gravidanza e le nascite di bambini sottopeso sono più frequenti tra le donne con background migratorio che tra le donne svizzere. Inoltre la mortalità materna e infantile è leggermente superiore nella popolazione migrante.

Queste differenze sono dovute a vari motivi, come indica il rapporto in adempimento di un postulato della consigliera agli stati Liliane Maury Pasquier (12.3966). Un probabile fattore di rischio per la salute della madre e del bambino è il maggior tasso di nascite tra le migranti molto giovani e tra quelle di età superiore ai 40 anni. Inoltre le donne migranti hanno spesso un livello di istruzione inferiore a quello delle donne svizzere; lavorano in condizioni più sfavorevoli (per esempio su turni) o vivono spesso in situazioni difficili, magari in condizioni sociali precarie. A questi fattori si aggiungono una scarsa conoscenza della lingua e nozioni insufficienti sul sistema sanitario svizzero, che potrebbero rendere più difficoltoso l'accesso all'assistenza medica prima e dopo il parto, ma anche alle offerte di prevenzione.

Per migliorare la salute di questo gruppo della popolazione, la Conferenza tripartita sugli agglomerati della Confederazione, dei Cantoni e dei Comuni ha creato nel 2013 il dialogo sull'integrazione «Prima infanzia - Chi inizia sano va lontano». Interlocutori di questo dialogo sono le associazioni professionali degli specialisti che accompagnano bambini e adulti durante la gravidanza, il parto e i primi anni di vita. I partecipanti al dialogo hanno adottato diverse misure, ad esempio informando le gestanti sulle misure di prevenzione e invitandole a sottoporsi a visite preventive regolari.  

Nel rapporto il Consiglio federale ribadisce il suo impegno per il dialogo sull'integrazione. A livello federale proseguono le iniziative già avviate. 

Particolare importanza riveste la competenza linguistica delle e dei migranti. La Segreteria di Stato della migrazione intende quindi rafforzare ulteriormente le conoscenze linguistiche dei neogenitori finanziando corsi di lingua incentrati sulla terminologia della gravidanza, del parto e della prima infanzia.  

Per migliorare le competenze del personale sanitario nei rapporti con i migranti, l'Ufficio federale della sanità pubblica ha lanciato nel 2014 un corso di aggiornamento online. Si intende inoltre promuovere ulteriormente l'interpretariato interculturale nel settore della sanità per evitare problemi di comprensione.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.