IT   EN

Ultimi tweet

Meno prestazioni Tarmed a carico dell' assicurazione sanitaria (AOMS) in Svizzera nel 2018

L’intervento del Consiglio federale sulla struttura tariffale per prestazioni mediche TARMED ha raggiunto lo scopo. Le prestazioni TARMED fatturate nel 2018 a carico dell’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (AOMS) sono diminuite di 119 milioni di franchi rispetto all’anno precedente.

È quanto emerge dal risultato del monitoraggio dell’intervento sulla tariffa di cui il Consiglio federale ha preso atto nella sua seduta del 6 dicembre 2019.

Prima del 2018 i costi delle prestazioni TARMED fatturati a carico dell’AOMS aumentavano di circa 400 milioni di franchi all’anno. L’anno scorso ciò non è avvenuto e anzi, i costi sono diminuiti di 119 milioni di franchi, in gran parte grazie all’intervento del 1° gennaio 2018 del Consiglio federale sulla tariffa. Anche in termini di volume il fatturato è aumentato meno che negli anni precedenti. Il monitoraggio effettuato dal Dipartimento federale dell’interno (DFI) su mandato del Consiglio federale ha evidenziato che anche l’obiettivo iniziale formulato da quest’ultimo, che aveva stimato il potenziale di risparmio in 470 milioni di franchi, è stato raggiunto.

Osservare soltanto il 2018, tuttavia, non è sufficiente e sarà necessario sorvegliare anche in futuro i comportamenti in materia di fatturazione. Il Consiglio federale sarà informato sull’evoluzione dei costi fatturati secondo la struttura tariffale TARMED entro la fine del 2021.

Nel contesto attuale, il Consiglio federale non ha intenzione di intervenire nuovamente sulla struttura tariffale TARMED. Si è trattato di una soluzione transitoria, in attesa di un accordo tra i partner tariffali su una struttura tariffale comune. A luglio 2019 due di essi, l’associazione degli assicuratori-malattie Curafutura e l’associazione professionale dei medici svizzeri (FMH), hanno presentato al Consiglio federale una domanda per l’approvazione di una struttura tariffale riveduta (TARDOC). Anche se la struttura tariffale TARDOC è sostenuta soltanto da una parte dei partner tariffali, il DFI ne sta esaminando attualmente gli aspetti formali e materiali e nel corso del 2020 informerà il Consiglio federale sui risultati e sul seguito dei lavori.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.