IT   EN

Ultimi tweet

Maggiore rischio di morte per i pazienti che lasciano l' ospedale durante le vacanze di Natale

Precedenti studi dell '"effetto weekend" hanno riscontrato un aumento del rischio di morte o riammissione per i pazienti ricoverati in ospedale il venerdì o nei fine settimana rispetto ai giorni feriali, probabilmente a causa della diminuzione del personale e dei ritardi nei test.

Ma i pochi studi che hanno esaminato l'effetto dei tempi delle dimissioni ospedaliere hanno riportato risultati contrastanti e mancano le ricerche sul periodo delle vacanze di dicembre.

Quindi i ricercatori del CIEM in Canada hanno iniziato a indagare se i pazienti dimessi dall'ospedale durante il periodo delle vacanze a dicembre hanno meno appuntamenti di follow-up e tassi di morte o riammissione più elevati rispetto a quelli dimessi in altre occasioni.

Hanno analizzato 217.305 casi di adulti e bambini dimessi dagli ospedali in Ontario durante le due settimane di vacanza a dicembre tra il 2002 e il 2016, confrontandoli con 453.641 casi di pazienti dimessi durante due periodi di controllo tra fine novembre e gennaio.

I ricercatori hanno escluso i gruppi che probabilmente hanno esigenze di follow-up diverse e rischio di riammissione, compresi neonati, donne in gravidanza, pazienti ricoverati per cure palliative e quelli con degenza ospedaliera a lungo termine. Coloro che sono stati dimessi durante le festività natalizie hanno riscontrato un rischio maggiore di morte o riammissione entro i prossimi 7, 14 e 30 giorni, con il rischio maggiore di essere del 16% entro i primi 7 giorni. Inoltre, i dimessi durante le vacanze avevano anche il 39% in meno di probabilità di avere un appuntamento di follow-up entro 7 giorni, forse a causa della volontà di rinviare fino a dopo le festività.

È interessante notare che i pazienti con un rischio basale più elevato, come quelli con malattia polmonare, presentavano un rischio di riammissione e morte correlato alle ferie inferiore rispetto a quelli con un rischio basale inferiore.

Gli autori suggeriscono che ciò potrebbe essere dovuto al fatto che "in un contesto di risorse ridotte durante le vacanze, i medici [possono] dare priorità ai pazienti ad alto rischio". Inoltre, è stato riscontrato che ogni 100.000 pazienti, 26 morti in più, 188 re-ricoveri in eccesso, 483 visite extra in un pronto soccorso e 2.999 follow-up in meno sono stati associati alle dimissioni durante le vacanze di Natale. Gli autori considerano diversi fattori che potrebbero spiegare questi risultati, tra cui un accesso limitato alle cure, difficoltà nella prenotazione di appuntamenti e livelli ridotti di personale e suggeriscono che le festività natalizie implicano spesso bere e mangiare eccessivamente, aumentano lo stress emotivo e la mancanza di sonno. "Queste circostanze alterate potrebbero destabilizzare una condizione medica acuta", spiegano i ricercatori.

Ma gli autori evidenziano i limiti dello studio e non possono escludere la possibilità che parte del rischio possa essere il risultato di altri fattori non misurati: "Informazioni più dettagliate sulla gravità della malattia del paziente rafforzerebbero l'argomento per il nesso causale tra la dimissione durante il periodo di ferie e gli esiti di salute".

Riconoscono anche che il loro studio con base in Ontario potrebbe non essere applicabile a tutte le popolazioni - in particolare, rilevano che "i tassi di follow-up possono variare in base alle pratiche della comunità locale". Tuttavia, lo studio sottolinea la necessità che i medici prestino attenzione alla pianificazione delle dimissioni e al coordinamento delle cure durante il periodo festivo.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.