IT   EN

Ultimi tweet

Lupus eritematoso sistemico (LES): anticorpo monoclonale belimumab con terapia standard riduce il rischio di danno d’ organo

 

GSK annuncia la pubblicazione di una nuova analisi a lungo termine su 988 pazienti che dimostra come i pazienti con Lupus eritematoso sistemico, (LES) trattati con belimumab in associazione con la terapia standard, a cinque anni di distanza presentino tassi minori di progressione del danno d’organo, indipendentemente dal livello di danno al momento dell’inizio della terapia.

I pazienti con LES sono a rischio di un danno d’organo irreversibile che aumenta nel tempo ed è associato ad un maggior rischio di morte. I risultati di un’analisi di due studi in aperto, pubblicati su Lupus, mostrano che per quanto riguarda l’endpoint primario (cambio nell’indice Systemic Lupus International Collaborating Clinics (SLICC) Damage Index (SDI)), l’85.1 per cento dei pazienti non ha mostrato alcun mutamento nel danno d’organo rispetto al momento di inserimento nel trial e che il mutamento medio nell’SDI rispetto all’inizio è stato di 0.2 (0.48, n=403).

Nei pazienti senza danno d’organo all’inizio dello studio, l’87.6% non ha avuto mutamenti nell’indice SDI e la variazione media è stata di 0.2 (0.53, n=162). La probabilità globale dei pazienti di mantenere il proprio score SDI è stata di 0.83 (intervallo di confidenza del 95 per cento: 0.79, 0.86) e il tempo medio per il primo peggioramento è stato di 677 giorni (n=117). Ian Bruce, docente all’Università di Manchester, afferma: “Si tratta della prima analisi per comprendere gli effetti a lungo termine di belimumab sul danno d’organo. Sebbene si tratti di uno studio in aperto, questi risultati sono estremamente incoraggianti e suggeriscono che l’impiego di più terapie mirate possa ridurre la progressione del danno d’organo irreversibile per i pazienti con Lupus. Dovranno comunque essere condotti altri studi per esaminare meglio la questione”.

I risultati completi sono disponibili all’indirizzo. http://lup.sagepub.com/content/early/2016/02/18/0961203315625119.full.pdf+html

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.