IT   EN

Ultimi tweet

Lugano, Aula didattica nel bosco per le scuole elementari e dell' infanzia

Il Municipio ha licenziato oggi all’attenzione del Consiglio comunale il messaggio con la richiesta di un credito di costruzione di 490'000 franchi per la realizzazione di un’Aula nel bosco in prossimità della vetta del Monte Brè, destinata agli allievi delle scuole elementari e dell’infanzia. 

Il progetto si pone un duplice obiettivo: valorizzare il patrimonio paesaggistico presente sul territorio comunale e promuovere, nel pregiato contesto boschivo del Monte Brè, attività multidisciplinari dedicate agli allievi delle scuole elementari e dell’infanzia. I bambini potranno osservare dal vivo le bellezze naturalistiche che caratterizzano il Monte Brè, studiare il paesaggio circostante da diversi punti panoramici, ma anche cimentarsi in attività didattiche legate alla fotografia, alla pittura, alla poesia e alla lettura. Gli allievi saranno inoltre stimolati all’utilizzo creativo di materiali naturali, quali foglie, sassi, pezzetti di legno, ecc. A margine della radura rivolta a nord, sotto la stazione di arrivo della funicolare, è prevista la realizzazione di una costruzione leggera in legno, rialzata dal terreno. 

La struttura ospiterà un’aula didattica fornita di tavoli, stufa a legna, lavello e piastra; sarà inoltre realizzato uno spazio esterno coperto, una veranda dove gli alunni potranno osservare i cicli stagionali della natura. Il progetto potrà essere in futuro completato, in collaborazione con le AIL, con la posa di pannelli fotovoltaici, al fine di avvicinare i bambini alle diverse tematiche ambientali (es. energie rinnovabili); sarà inoltre valutata la possibilità di realizzare un percorso circolare attorno alla vetta, con postazioni di osservazione dotate di pannelli didattici multilingue a disposizione degli studenti, dei visitatori locali e dei turisti. Questa struttura potrà essere utilizzata anche dai docenti e dai collaboratori della Città per svolgere attività di formazione. 

Il finanziamento dell’opera sarà in parte coperto grazie al sostegno di enti pubblici e sponsor privati: il Rotary Club Lugano ha già assicurato un importante contributo, in considerazione della valenza educativa del progetto e anche della volontà di segnare in modo tangibile il novantesimo anniversario dalla fondazione del sodalizio, che cadrà nel 2019. Le AIL, il Patriziato di Brè e la Sezione forestale cantonale hanno manifestato la loro disponibilità a un eventuale sostegno finanziario al progetto.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.