IT   EN

Ultimi tweet

Ludopatia,da Regione Lombardia 'no' alle slot anche in cinese

"La seconda fase della nostra campagna contro il gioco d'azzardo patologico, che ha preso il via oggi, parla anche in cinese.

Nelle sedi di Regione Lombardia di tutte le città capoluogo sono infatti a disposizione dei Comuni, degli enti e delle associazioni che desiderano divulgarli 100.000 opuscoli, di cui 15.000 in lingua cinese, dedicati soprattutto ai gestori di punti in cui è possibile giocare e contenenti le regole da seguire per rispettare la Legge regionale e non incorrere in sanzioni". Lo dichiara l'assessore regionale al Territorio, Urbanistica, Difesa del suolo e Città metroplitana Viviana Beccalossi, team leader della Giunta in tema di lotta alla ludopatia, annunciando la distribuzione del materiale informativo in tutte le province lombarde.

 

INFORMAZIONI ANCHE IN CINESE - "Gli opuscoli - prosegue Viviana Beccalossi - sono stati realizzati anche in cinese dato che molti gestori di slot e macchinette, sia nei bar sia nelle sale giochi, appartengono a questa comunità. Li abbiamo intitolati 'Le regole vanno rispettate anche se non sei tu a giocare', perché danno tutte le informazioni in merito, alle distanze minime di 500 metri dai luoghi sensibili, ai nuovi contratti e alle cessioni delle licenze, ricordando il potere sanzionatorio dei Comuni che attraverso le Polizie locali sono tenute a far rispettare la normativa".

 

MATERIALE A DISPOSIZIONE - L'iniziativa, ha ricordato l'assessore Beccalossi, fa parte della grande campagna di comunicazione lanciata da Regione Lombardia lo scorso dicembre, con una prima fase dedicata ai cittadini, grazie alla quale sono stati sono stati realizzati 5.500 appendini per i treni, 10.000 cartoline presso le biglietterie, un video informativo da 30 secondi trasmesso in rotazione sui canali del circuito Trenord e 180.000 cartoline che verranno distribuite in 330 uffici pubblici di tutta la Lombardia.

 

APPELLO AI SINDACI - "Rivolgo il mio appello a tutti i sindaci lombardi - conclude Viviana Beccalossi - affinché collaborino alla distribuzione di questo materiale attraverso le strutture comunali o sollecitando i titolari di 'punti gioco' facciano a ritirare lo stesso presso le sedi regionali. La loro collaborazione è fondamentale anche in questo caso, così come è altrettanto importante continuare nell'attività di controllo e sanzione verso chi non rispetta le regole che, da oggi, non ha proprio nessuna scusa o attenuante".

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.