IT   EN

Ultimi tweet

LOVE LIFE: in aumento le infezioni sessualmente trasmissibili in Svizzera

Nel 2015 le infezioni sessualmente trasmissibili (IST) hanno guadagnato terreno. Rispetto all’anno precedente, i casi di gonorrea sono aumentati del 23 per cento, quelli di sifilide del 7 per cento e quelli di clamidia del 5 per cento; stabili invece i casi di HIV. La tendenza è identica in tutta Europa. 

Le cifre indicano che è necessario proseguire gli sforzi di prevenzione. Il 14 novembre 2016, l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) lancerà la sua nuova campagna LOVE LIFE, che avrà per tema la promiscuità sessuale e come slogan: «I partner cambiano, il sesso sicuro resta.»

Come negli altri Paesi europei, anche in Svizzera si registra da diversi anni un aumento dei casi di gonorrea. L’introduzione di un nuovo test di screening più semplice, rapido ed economico ha contribuito a spingere i medici a dichiarare più spesso la malattia.

La clamidia è difficile da controllare, perché spesso rimane asintomatica e passa inosservata ai pazienti, in particolare alle donne, alle quali è diagnosticata più spesso e può causare conseguenze come la sterilità. L’incremento del 5 per cento può essere in parte spiegato dal ricorso più frequente ai test. 

Pur essendo aumentata del 7 per cento, la sifilide resta un’epidemia circoscritta a determinati gruppi. Colpisce soprattutto gli uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini (MSM).  

I nuovi casi di infezione da HIV rimangono stabili. Nel corso degli anni la tendenza è addirittura in leggero calo, che tuttavia risulta meno evidente tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini. In questo gruppo si distingue però un’altra tendenza positiva: sempre più nuove infezioni vengono diagnosticate. Questo significa che gli MSM si sottopongono al test più regolarmente di prima, orientandosi verso quello che da tempo è un obiettivo degli sforzi di prevenzione. 

Ciò consente infatti di iniziare il trattamento il prima possibile in caso di infezione. Il numero di virus nel sangue può così essere abbassato fino a eliminare il rischio di contagio. I dati epidemiologici sulle quattro IST soggette all’obbligo di dichiarazione (gonorrea, clamidia, sifilide e HIV) sono stati pubblicati l’11 novembre 2016.


Nuova campagna LOVE LIFE: «I partner cambiano, il sesso sicuro resta.»

La promiscuità sessuale aumenta significativamente il rischio di contrarre un’infezione sessualmente trasmissibile come la gonorrea, la clamidia e la sifilide. L’uso del preservativo riduce fortemente questo rischio e impedisce il contagio da HIV. Pertanto l’UFSP, Aiuto Aids Svizzero e SALUTE SESSUALE Svizzera avvieranno dal 14 novembre 2016 una campagna LOVE LIFE che sottolineerà ancora una volta l’importanza di attenersi alle regole del sesso sicuro. 

1. avere rapporti sessuali con penetrazione sempre con il preservativo,
2. non prendere sperma o sangue in bocca,
3. consultare subito un medico se compaiono sintomi di influenza dopo un rapporto non protetto o se si avvertono disturbi nelle parti intime come prurito, bruciore o perdite.

Chi si attiene strettamente al motto «I partner cambiano, il sesso sicuro resta.» può proteggersi da un contagio da HIV e ridurre il rischio di contrarre una IST. La campagna durerà tre settimane e comprenderà cartelloni, un breve filmato proiettato nelle stazioni più frequentate e altre misure nei media online e nei social network.

 

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.