IT   EN

Ultimi tweet

Libro bianco: “Agire Insieme – Roadmap per una assistenza sanitaria sostenibile”

L’European Steering Group (ESG) on Sustainable Healthcare – con il  sostegno di AbbVie e presieduto dall’ex ministro della sanità irlandese Mary Harney - ha pubblicato oggi il Libro Bianco europeo “Acting Together – Roadmap for Sustainable Healthcare” [Agire Insieme – Roadmap per una assistenza sanitaria sostenibile].

 Sulla base di evidenze raccolte e iniziative realizzate in 24 paesi della UE, il White Paper formula 18 raccomandazioni per migliorare la sostenibilità dei sistemi sanitari europei indirizzate ai diversi interlocutori delle istituzioni nazionali ed europee ed evidenzia la necessità che tutti gli attori del settore sanitario debbano agire insieme ora, prima che sia troppo tardi. Oggi si vive più a lungo e molte delle persone in età avanzata soffrono di malattie croniche. Nel contempo i governi si trovano nella necessità di tagliare i bilanci.

La società europea si evolve e i sistemi sanitari devono adattarsi a questi cambiamenti: offrire un’assistenza maggiore, migliore, erogata con modalità diverse e a costi più bassi. 

“Come  azienda biofarmaceutica globale con una forte presenza in Europa, AbbVie è impegnata nel trovare soluzioni per una sanità sostenibile nella UE,  che possano aiutare sia i pazienti, sia i sistemi sanitari ad adattarsi alle sfide del mondo moderno” afferma la Dottoressa Pascale Richetta, membro del gruppo ESG e Vice Presidente  Western Europe & Canada di AbbVie.

 “Attraverso il nostro coinvolgimento nell’European Steering Group for Sustainable Healthcar stiamo lavorando con la società civile, gli operatori sanitari, le società scientifiche, gli accademici e l’industria  per contribuire  ad affrontare le sfide poste ai sistemi sanitari europei” prosegue la Dott.ssa  Pascale Richetta. “Abbiamo bisogno di trasformare i nostri sistemi sanitari per assicurare che essi siano idonei a far fronte alle sfide sociali ed economiche. È per questo che dobbiamo agire tutti insieme. Nessuno può farcela da solo”.

 L’European Steering Group (ESG) - costituito nel 2014 grazie all’iniziativa di AbbVie - riunisce rappresentanti di istituzioni, società civile, operatori sanitari e società scientifiche, accademici e rappresentanti dell’industria. Dopo un anno di lavoro, il gruppo ESG ha raccolto dati, evidenze e i risultati scaturiti da iniziative realizzate in 24 paesi europei per sviluppare soluzioni in grado di promuovere un’assistenza sanitaria sostenibile.

 “I dati e le evidenze raccolte dimostrano chiaramente che i sistemi sanitari europei si trovano a un bivio. Sono convinto che una sanità sostenibile possa diventare una realtà, ma unicamente a patto di adottare un modo di pensare creativo e un approccio collaborativo e integrato. È quanto emerge dal notevole lavoro realizzato attraverso 30 progetti pilota in 24 nazioni europee. Adesso è il momento di passare alla fase successiva trasferendo questo lavoro a livello europeo” spiega il Professor Walter Ricciardi dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, Relatore del White Paper europeo e membro della European Public Health Association.

Un esempio di un modo di pensare creativo e collaborativo è rappresentato dall’iniziativa di Early Intervention Clinic realizzata presso l’Hospital Clinico San Carlos di Madrid in Spagna. Questo progetto dimostra che investimenti intelligenti nella prevenzione e in interventi precoci nel settore della sanità e del welfare sociale possono generare per ogni euro investito un risparmio di  11 €.  Attraverso  lo sviluppo di programmi di diagnosi, invio del paziente allo specialista e interventi precoci l’ospedale è stato in grado di ridurre: il numero dei giorni di malattia, l’uso delle risorse sanitarie come pure i rimborsi della previdenza sociale, e lo sviluppo di disabilità permanenti sul lavoro dei pazienti.

 

Le 18 raccomandazioni stilate dal gruppo ESG riguardano tre temi principali, vale a dire prevenzione e intervento precoce, maggiore empowerment e responsabilizzazione dei cittadini, riorganizzazione nell’erogazione delle prestazioni sanitarie, e  identificano diverse azioni da attuare:  

-          Un più forte focus sulla prevenzione per gli investimenti sanitari con la definizione di un target europeo per lo spostamento degli investimenti dai trattamenti alla prevenzione e agli interventi precoci, e lo sviluppo di una scheda di valutazione in grado di monitorare i progressi per tutti gli Stati membri della UE;

-          Un allineamento del monitoraggio per quanto riguarda  i trend della salute  e la raccolta dei dati;  

-          Nuove norme e regolamenti a livello europeo per la protezione dei dati per assicurarne un uso appropriato al fine di elaborare strategie di intervento in campo sanitario e garantire nello stesso tempo la privacy dei pazienti;

-          Un maggior coinvolgimento dei datori di lavoro e degli operatori sanitari del settore della medicina del lavoro;

-          Affrontare l’analfabetismo sanitario;

-          Adozione di nuove tecnologie per supportare la trasformazione dell’assistenza sanitaria.

 

"La Roadmap del gruppo ESG indica solo l’inizio di un percorso diretto verso la sostenibilità dell’assistenza sanitaria. Mantenere lo status quo non è un’opzione se vogliamo continuare a offrire ai cittadini europei un’assistenza sanitaria di elevata qualità, accessibile e che tutti possano permettersi.

Questa trasformazione dell’assistenza sanitaria è complessa e non può essere raggiunta in tempi rapidi o mediante azioni isolate. Spero che i numerosi stakeholder coinvolti si uniranno a noi in questo sforzo collaborativo" conclude Mary Harney, Presidente dello Steering Group e già Ministro della Sanità irlandese. L’auspicio del gruppo ESG è che le istituzioni nazionali ed europee, insieme a tutti i principali stakeholder del settore pubblico e privato, siano motivate a contribuire all’attuazione di queste raccomandazioni e a tradurre in realtà il concetto di sostenibilità dell’assistenza sanitaria.

Il White Paper e le raccomandazioni sono stati pubblicati in occasione di un evento che si è tenuto oggi a Bruxelles e il documento è disponibile al seguente link: http://www.abbvie.com/sustainable-healthcare Dichiarazione di Fabrizio Greco, amministratore delegato di AbbVie in Italia “Per contribuire alla sostenibilità del sistema sanitario – osserva Fabrizio Greco, amministratore delegato di AbbVie in Italia - abbiamo dato il nostro sostegno alla creazione di un modello di micro simulazione della domanda di assistenza sanitaria in Europa (Italia e altri 11 paesi), messo a punto dal CEIS sul modello dell’OCSE, allo scopo di prefigurare gli scenari futuri e stimare gli effetti di politiche di prevenzione primaria, secondaria e terziaria1 in termini di benefici per la salute e di conseguenti risparmi per la spesa sanitaria. Si tratta di uno strumento utile alle istituzioni e ai decisori pubblici al fine di acquisire informazioni ed evidenze indispensabili per assumere decisioni informate”.

Già da una prima applicazione del modello per interventi di prevenzione in tema di riduzione dell’obesità e del sovrappeso nella popolazione “risultano risparmi significativi per il gruppo di paesi europei considerato, grazie alla conseguente diminuzione di patologie quali diabete (-6%) ed ipertensione (-1%), fino a 5,5 miliardi di euro all’anno in termini di minori spese per medicinali, analisi, visite. Ma si può raggiungere un risparmio pari a 11 miliardi l’anno, se si includono i costi per i ricoveri ospedalieri”. "I dati più recenti – aggiunge Fabrizio Greco - mostrano del resto che la sostenibilità del nostro sistema sanitario è messo a dura prova per diverse ragioni. Basti ricordare che l’Italia è per invecchiamento della popolazione il primo paese in Europa e il secondo nel mondo, (le persone di 60 anni e oltre rappresentano il 26, 8% della popolazione). E’ urgente imprimere un cambiamento di rotta che richiede l’impegno di tutti per rispondere alle sfide presenti e future, con una programmazione al passo con le trasformazioni in atto. In questa direzione si colloca l’iniziativa presentata oggi”.

“S’impone dunque la necessità – conclude l'amministratore delegato di AbbVie Fabrizio Greco – di intraprendere con decisione la strada della prevenzione in tutte le sue forme, prima che la malattia diventi un serio problema di salute, prevedendo sempre di più interventi precoci. Questa è una delle indicazioni strategiche del Libro bianco, una politica vincente come dimostrato dalle iniziative realizzate in diversi paesi europei riportate nel documento.”

1 Prevenzione primaria (corretti stili di vita); secondaria (screening e vaccinazioni); terziaria (prevenzione delle complicanze/progressione delle patologie mediante terapie).

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.