IT   EN

Ultimi tweet

LE INIZIATIVE DI FEDERFARMA VERONA PER IL 17 MAGGIO: GIORNATA MONDIALE CONTRO L’ IPERTENSIONE ARTERIOSA

Martedì 17 maggio 2016 si svolgerà a livello nazionale la XII Giornata mondiale contro l’ipertensione arteriosa promossa dalla Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa (SIIA) e patrocinata, tra gli altri, da Federfarma, Croce Rossa Italiana e Fofi.

Quest’anno tra le iniziative coordinate da Federfarma Verona e patrocinate dall’Ordine dei farmacisti della provincia di Verona oltre alla misurazione gratuita della pressione arteriosa nelle farmacie riconoscibili dalla locandina e presso il tradizionale gazebo veronese di Piazza Bra, la cittadinanza avrà la possibilità di partecipare alla campagna di prevenzione presso due ulteriori postazioni a Legnago e Bussolengo.

La campagna vuole sensibilizzare la popolazione sull’importanza del controllo della pressione arteriosa come misura di prevenzione delle malattie cardiovascolari, in particolare ictus e infarto. Partner dell’iniziativa insieme a Federfarma Verona sono la SIIA, l’U.O. di Medicina Generale e dell’Ipertensione dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Intergrata di Verona, l’Associazione Farmacisti Volontari in Protezione Civile di Verona con la farmacia mobile a Legnago, la Croce Rossa con il gazebo di Bussolengo, l’Agifar Associazione Giovani Farmacisti i cui rappresentanti parteciperanno alle misurazioni.

VERONA:                  gazebo di Federfarma Verona in piazza Bra dalle ore 9.00 alle ore 13.30;

LEGNAGO:               farmacia mobile dell’Associazione Farmacisti Volontari in Protezione Civile di Verona in piazza Garibaldi dalle ore 9.00 alle ore 12.30;

BUSSOLENGO:         gazebo della Croce Rossa Italiana, sezione di Verona, in piazza XXVI Aprile dalle ore 9.00 alle ore 12.30.

 

NELLE FARMACIE: misurazione gratuita della pressione arteriosa, compilazione del questionario e consegna della brochure diffusa dalla Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa.

Anche quest’anno l’Associazione Panificatori Verona donerà ai cittadini il pane iposodico lanciando un messaggio importante in questa giornata di sensibilizzazione sanitaria poiché si sottolinea l’importanza degli alimenti a basso contenuto di sale nell’ambito dei corretti stili di vita e per una prevenzione efficace.

In tutte e tre le postazioni saranno presenti farmacisti, personale medico della SIIA e volontari della Croce Rossa che offriranno all’utenza la misurazione gratuita della pressione arteriosa e la compilazione di un questionario anonimo i cui dati verranno elaborati da Federfarma Verona e consegnati alla SIIA per essere analizzati e, successivamente, utilizzati nell’ambito di strategie sanitarie di contenimento e prevenzione dell’ipertensione arteriosa. Inoltre, verrà consegnato materiale informativo sui corretti stili di vita e donato, fino ad esaurimento, salutare pane iposodico.

Tutte le iniziative sono state presentate questa mattina nella sede di Federfarma Verona da Marco Bacchini presidente Federfarma Verona, Antonio Pastorello presidente Provincia di Verona, prof. Pietro Minuz direttore Unità Operativa di Medicina Generale e dell’Ipertensione Azienda Ospedaliera Universitaria Intergrata di Verona nonché membro della SIIA, Jessika Cotadamo delegata C.R.I. Verona, Annamaria Caobelli vicepresidente dell’Ordine dei Farmacisti della provincia di Verona, Paolo Pomari presidente Associazione Farmacisti Volontari in Protezione Civile di Verona, Gian Paolo Zuanazzi dirigente Associazione Panificatori di Verona.

 

«Quest’anno abbiamo voluto offrire, in sinergia con tutti i soggetti coinvolti, una ulteriore chance di prevenzione anche ai residenti della provincia – dice Marco Bacchini, presidente di Federfarma Verona, l’Associazione dei titolari di farmacia -. Un ringraziamento particolare va alle Amministrazioni coinvolte che hanno messo a disposizione gli spazi pubblici e ai loro rappresentanti per il ruolo di testimonial che ricopriranno  il 17 maggio durante la Giornata Mondiale della Lotta all’ipertensione dando il loro buon esempio con la misurazione della pressione. Atteggiamenti virtuosi e passa parola sono quanto mai importanti non innescare una cultura del controllo che in questo ambito dura pochi minuti, è assolutamente indolore e può salvare la vita data l’asintomaticità della patologia le cui conseguenze, come ictus e infarto, possono essere molto gravi anche in età giovanile».

«Trovo che l’incremento delle postazioni mobili nel territorio provinciale sia quanto mai importante per aumentare il numero di controlli e quindi l’individuazione dei soggetti a rischio – ha detto il presidente della Provincia di Verona Antonio Pastorello -. Ho sempre sostenuto la validità di iniziative sanitarie preventive e non posso scordare che proprio questa, in passato, si è rivelata fondamentale per la mia stessa salute. L’idea di unire l’impegno delle farmacie all’attività nelle piazze è vincente perché in grado di coinvolgere una gamma vastissima di soggetti, anche coloro che non hanno mai pensato di misurarsi la pressione arteriosa perché la ritengono, sbagliando, una pratica superflua».

«L’ipertensione arteriosa è definita “il killer silenzioso”, perché non dà segni di sé fino a quando non compaiono le manifestazioni cliniche del danno vascolare, cardiaco e renale che ogni anno costano la vita a 7,5 milioni di persone nel mondo -  - spiega il prof. Pietro Minuz -. L’ipertensione arteriosa da sola rappresenta la principale causa di icuts, di infarto miocardico, scompenso cardiaco ed insufficienza renale assieme al diabete mellito cui  spesso si associa. È stato calcolato che circa il 30% della popolazione italiana soffra di ipertensione arteriosa, che nella maggior parte dei casi risulta mal controllata dalla terapia quando prescritta ed in alcuni casi del tutto ignota. La SIIA, con la Società Europea di Ipertensione Arteriosa ha sviluppato una nuova app gratuita per tablet e smartphone (scaricabile dal sito della SIIA): inserendo i propri valori pressori il paziente avrà la possibilità di visualizzare in tempo reale i suoi trend e di tenere un diario digitale da condividere attraverso un contatto a distanza con il proprio medico curante».

 

 

 

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.