IT   EN

Ultimi tweet

Le donne hanno figli sempre piu' tardi in Svizzera

Il numero di nascite in Svizzera è salito a 87.900 nel 2018 contro 87.400 nel 2017 (+0,5%). L’indicatore sintetico di fecondità rimane tuttavia stabile a 1,5 figli per donna. 

Questi i risultati definitivi della statistica del movimento naturale della popolazione realizzata dall’Ufficio federale di statistica (UST).

Le donne hanno figli sempre più tardi. Nel 2018 si contano peraltro 35 donne che hanno partorito all’età di 50 anni o più. L’età media della madre alla nascita del primo figlio è di 30,9 anni. Con 11,2 nascite ogni 1000 abitanti, Friburgo è il Cantone con il tasso più elevato della Svizzera. Il tasso più basso si registra in Ticino (7,2‰). Il tasso nazionale ammonta invece al 10,3‰.

Il numero di nascite fuori del matrimonio è aumentato da 22 000 nel 2017 a 22 600 nel 2018 (+2,5%), il che corrisponde a oltre una nascita su quattro. Nel contempo, il numero di riconoscimenti di paternità è passato a 21 900 casi, ovvero il 2,3% in più rispetto all’anno precedente.

Nel 2018 il numero di divorzi è salito del 4% rispetto al 2017. Se i comportamenti in materia di divorzio dovessero rimanere immutati, due matrimoni su cinque potrebbero concludersi con un divorzio. 

In Svizzera è stato registrato un numero maggiore di matrimoni, nascite e decessi. Le unioni domestiche registrate, invece, hanno registrato una flessione. 

I divorzi hanno registrato una rapida progressione dalla fine degli anni ’60 fino al 1999, quando il loro numero ammontava a 20 800. Nel 2010 è stato registrato il record, pari a 22 100 casi di divorzio. I picchi osservati coincidono a modifiche apportate alla legislazione in materia (cfr. riquadro e grafico). La presente statistica, che si basa su registri ufficiali, non rileva le ragioni per cui le persone mettono fine al loro matrimonio.

Molti divorzi dopo 20 anni di matrimonio o più

Nel 2018 sono state pronunciate 16 500 sentenze di divorzio, il che equivale a un incremento del 4,0% rispetto all’anno precedente. L’aumento concerne sia le coppie svizzere (+0,6%), sia quelle miste (+3,0%) o straniere (+12,4%).

Il 40% dei divorzi ha luogo nei primi 10 anni di matrimonio e il 30% dopo 20 o più anni di vita in comune. La durata media di un matrimonio al momento del divorzio è di 15,2 anni. Se il comportamento della popolazione osservato nel 2018 dovesse confermarsi in futuro, due matrimoni su cinque (40,2%) potrebbero concludersi con un divorzio.

Dalla metà degli anni ‘90 il numero di divorzi in cui sono coinvolti figli minorenni è passato al di sotto della soglia del 50%, attestandosi nel 2018 al 46% contro il 60% del 1970.

Ginevra è il Cantone che conta il maggior numero di divorzi rispetto alla popolazione (2,4‰), mentre Uri è quello che ne registra il numero minore (1,1‰). A titolo di paragone, in Svizzera si rilevano 1,9 divorzi ogni 1000 abitanti.

I matrimoni vanno di moda

Nel 2018 sono stati celebrati 40 700 matrimoni, ovvero lo 0,3% in più rispetto al 2017. Questo aumento riguarda sia i matrimoni fra cittadini svizzeri (+0,5%) che quelli fra cittadini stranieri (+2,1%), mentre quelli misti sono in calo (–0,8%). La nuzialità, cioè la tendenza a sposarsi, continua tuttavia a diminuire: si stima che la quota degli uomini e delle donne che un giorno potrebbero convolare a nozze sia di anno in anno sempre minore.

La stagione estiva è propizia ai matrimoni: in particolare, nel 2018, i mesi di giugno e agosto sono quelli in cui se ne sono registrati di più.

Zurigo rimane il Cantone in cui si osserva il maggior numero di matrimoni ogni 1000 abitanti, pari ad un valore del 5,5‰, mentre Neuchâtel quello in cui se ne registrano di meno (3,6‰). A titolo di paragone, considerando la Svizzera intera, il tasso ammonta al 4,8‰.

Continua a crescere la speranza di vita degli uomini

Nel 2018 sono morte 67 100 persone, cioè lo 0,2% in più rispetto all’anno precedente. Questo aumento concerne sia le donne (+0,4%) che gli stranieri (+4,5%). In Svizzera si registrano 7,9 decessi ogni 1000 abitanti. Basilea Città è il Cantone in cui sono più numerosi (10,7‰) e Zugo quello in cui se ne annoverano di meno (6,5‰).

La speranza di vita alla nascita evolve in maniera diversa per uomini e donne. Quella degli uomini è passata da 81,4 anni nel 2017 a 81,7 anni nel 2018, quella delle donne è rimasta stabile a 85,4. Lo scarto tra la speranza di vita delle donne e quella degli uomini registrato nel 2018 è di 3,7 anni, a fronte di quello di 5,7 anni registrato nel 2001. La speranza di vita a 65 anni è in leggero aumento. Quella degli uomini è passata da 19,7 anni nel 2017 a 19,9 anni nel 2018, quella delle donne da 22,5 a 22,7 anni. Dal 2001 è progredita maggiormente tra gli uomini (+2,6 anni) che tra le donne (+1,6 anni).

Sempre maggiore la quota di unioni domestiche registrate femminili

Nel 2018, hanno optato per l’unione domestica registrata 700 coppie dello stesso sesso, il che rappresenta una diminuzione dell’11,3% rispetto all’anno precedente. Benché nelle unioni registrate la quota più alta sia quella delle coppie maschili, quella delle coppie femminili non è mai stata così importante (61% rispetto al 39%).

Rispetto alla propria popolazione, Appenzello Interno, Ginevra, Basilea Città e Zurigo sono i Cantoni che ne registrano di più; Sciaffusa, Appenzello Esterno e Giura quelli che ne registrano di meno. Nei Cantoni di Uri, Obvaldo e Nidvaldo non è stata registrata alcuna unione domestica

 

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.