IT   EN

Ultimi tweet

La donna in sanita’: forza motrice del miglioramento

Il Convegno del Coordinamento Nazionale Femminile di Cimo, che si è svolto a Verona, è stato un momento serrato di confronto sulle problematiche dell’attività medica.

Questioni sindacali che ancora non riescono a trovare una soluzione, che sviliscono e depauperano la professione medica, senza contare le difficoltà che incontrano le donne. “La professione medica ormai non è più considerata come una risorsa e le donne pagano il prezzo più alto”. “E’ necessaria una normativa che definisca l’atto medico inteso non come mansionario, ma come ruolo, funzioni e competenze del medico che vedono l’attiva partecipazione del nostro Sindacato”. 

Questa la proposta di Cimo espressa fermamente dal Presidente Riccardo Cassi, che ha aggiunto: “Le donne per il SSN sono una grande risorsa, non solo in termini gestionali e per la grande capacità di affrontare le situazioni critiche, ma anche per l’attenzione e la professionalità che dimostrano e hanno sempre dimostrato per salvaguardare la salute dei cittadini”.

 

Molti gli ospiti e tra questi ha portato il suo saluto il vice Presidente dell’Ordine dei Medici di Verona,Roberto Mora, a cui ha fatto seguito Chiara Bovo, Direttore Sanitario dell’Azienda Sanitaria di Verona. Negli interventi successivi ha destato grandissimo interesse la relazione di Giovannella Baggio, titolare della Cattedra di “Medicina di Genere” dell’Università  di Padova.

Ivan Cavicchi nel suo intervento, ha espresso la speranza che le donne siano in grado di effettuare il cambiamento sociale e professionale che i tempi richiedono, riportando l’attenzione su cosa significa essere medici, e non solo sull’ambito operativo da attribuire alla professione. Cavicchi inoltre, ha affrontato la questione del rapporto tra le professioni, affermando che non può essere affrontata solo come riduzione del costo lavoro,  innescando un fenomeno di “cannibalizzazione” dal basso verso l’alto, ma va reinventata la forma storica della cooperazione professionale e ridefinirne i confini. Ma per definire l’atto occorre definire l’agente e oggi il medico non è definito.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.