IT   EN

Ultimi tweet

La dialisi peritoneale nella Regione Lazio

L’insufficienza renale cronica (IRC) è una patologia molto complessa che interessa il rene e che può provocare perdita progressiva e completa della funzione renale.

La dialisi ospedaliera è il trattamento più impiegato in questi pazienti. Tuttavia, oggi è possibile effettuare la dialisi al domicilio. Esiste, infatti, un servizio di dialisi peritoneale domiciliare, che porta con se innegabili vantaggi in termini di miglioramento della qualità di vita del paziente, per coloro che lo assistono e conduce ad una sensibile riduzione dei costi di gestione a carico della struttura ospedaliera.

 

In Italia, circa 45.000 pazienti sono in trattamento dialitico, di questi circa il 10% è in trattamento domiciliare. Nella regione Lazio la percentuale del trattamento in dialisi peritoneale domiciliare scende ulteriormente al 7% contro un target del 30% che la programmazione regionale si era posta come obiettivo da raggiungere sin dal 1998. Dunque, la potenzialità di questo servizio è ampiamente al di sotto delle indicazioni programmatorie.    

 

In regione Lazio, un gruppo di lavoro regionale, coordinato dal Professor Massimo Morosetti, Responsabile UOC Nefrologia e Dialisi dell’Ospedale Grassi Roma-Ostia, si è interrogato sul tema e ha realizzato un’osservazione “Audit sulla dialisi peritoneale nel Lazio” che dimostra come la dialisi peritoneale domiciliare possa rappresentare per la Regione un’opportunità unica di spending review efficace.

 

Se ne parlerà domani mattina dalle ore 9 in viale G. Ribotta, 5 EUR al Nefro Focus di Roma, in occasione del quale il Prof. Massimo Morosetti presenterà i dati dell’Audit e il Modello di analisi dei costi ed impatto sul budget disegnato proprio sui dati della dialisi peritoneale della Regione Lazio.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.