IT   EN

Ultimi tweet

L' accordo tra la Svizzera e gli USA agevola il commercio di prodotti biologici

La Svizzera e gli USA si sono accordati sul mutuo riconoscimento dei loro standard per i prodotti biologici. Ieri il Consigliere federale Johann N. Schneider-Ammann ha firmato a Washington l’accordo sull'equivalenza, frutto dei negoziati tra l'Ufficio federale dell'agricoltura (UFAG) e lo United States Departement of Agriculture. Con tale accordo, in vigore con effetto immediato, si agevola il commercio di prodotti biologici.

Il mutuo riconoscimento entrato in vigore con l'accordo sull'equivalenza avrà effetti positivi. Il commercio di prodotti biologici sarà molto semplificato e agevolato. Grazie a tale accordo il settore biologico svizzero si apre al mercato statunitense fortemente in crescita e vengono meno le disparità esistenti nei confronti dei concorrenti nell'UE che hanno già concluso un simile accordo con gli USA. Ciò è di fondamentale importanza per diverse aziende svizzere dell'industria alimentare che da diverso tempo attendono la conclusione di un accordo. Esso, inoltre, determina una riduzione del dispendio amministrativo e dei costi per le aziende.

L'accordo sull'equivalenza si applica ai prodotti biologici ottenuti o fabbricati, trasformati o imballati in Svizzera o negli USA. Quindi rientrano nel suo campo di applicazione anche i prodotti che, come previsto dalla legislazione, sono importati negli USA o in Svizzera e lì ulteriormente trasformati o imballati. 

Si applicano restrizioni analogamente all'accordo tra gli USA e l'UE sui prodotti biologici di origine animale provenienti dalla Svizzera, come ad esempio formaggio o carne secca che devono provenire da animali non trattati con antibiotici. Inoltre i vini biologici provenienti dagli USA o dalla Svizzera devono adempiere le particolari norme in materia di produzione e di etichettatura secondo le prescrizioni sull'agricoltura biologica del Paese destinatario. Ma sia per i prodotti animali sia per i vini non occorre una certificazione separata. 

L'accordo sull'equivalenza consiste in un mutuo riconoscimento dell'equivalenza delle legislazioni mediante uno scambio di lettere tra le autorità competenti degli USA e della Svizzera. Per il nostro Paese l'accordo è stato sottoscritto dal Consigliere federale Johann N. Schneider-Ammann. Per gli USA hanno firmato Krysta Harden, Viceministro dell'USDA e Darci Vetter, Responsabile dei negoziati per le questioni agricole del Segretario statunitense del commercio.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.