IT   EN

Ultimi tweet

INFETTIVOLOGO, SÌ A CO-SOMMINISTRAZIONE VACCINI IN BIMBI DAI 2 MESI

"I neonati e i bambini hanno una sufficiente capacita' immunitaria per rispondere adeguatamente alla somministrazione di piu' vaccini contemporaneamente. Il loro sistema immunitario e' in grado di gestire un grande numero di antigeni senza conseguenze negative.

A due mesi il bambino e' in grado di rispondere alle vaccinazioni, aspettare non serve ad aumentare la sicurezza dell'atto vaccinale, mentre rimandare comporta dei rischi. Alcune malattie, tipo la pertosse, sono piu' pericolose se contratte nei primi mesi di vita'". Lo dichiara Roberto Ieraci, infettivologo, vaccinologo e referente scientifico della campagna vaccinale dell'Unita' di crisi.

"La co-somministrazione dei vaccini in eta' pediatrica- spiega l'esperto- e' un tema importante e attuale. Ha lo scopo di ottimizzare l'intervento vaccinale, riducendo il numero degli accessi ai servizi, al pediatra di famiglia e al centro vaccinale ospedaliero, per raggiungere elevate coperture con aspetti organizzativi piu' snelli". Dopo i ritardi avvenuti nel calendario vaccinale, a causa del lockdown, e la necessita' di ristabilire una copertura adeguata su piu' fronti, Ieraci rassicura che "non ci sono controindicazioni nel somministrare piu' vaccini nella stessa seduta, e la risposta immunitaria a un vaccino non interferisce con le risposte ad altri vaccini". 

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.