IT   EN

Ultimi tweet

Indagine Europea: Primo figlio a 29 anni. Italia maglia nera. Oltre 5 milioni di nascite nell' UE nel 2016

  • Nel 2016, 5,448 milioni di bambini sono nati nell'Unione europea (UE), rispetto ai 5,103 milioni del 2015.
  •  In media nell'UE, le donne che hanno dato alla luce il loro primo figlio nel 2016 avevano 29 anni. In tutti gli Stati membri, le madri (primo parto) sono in media più giovani in Bulgaria e più anziane in Italia.
  • Circa il 5% di nascite del primo figlio nell'UE (anno 2016) riguarda donne di età inferiore a 20 anni (madri adolescenti) e circa il 3% di donne di 40 anni e over 40
  • Tra le 5.148 milioni di nascite nell'UE nel 2016, quasi 1 su 5 (o quasi 930.000) riguarda un terzo figlio o successivo.
  • Complessivamente, il tasso di fertilità totale nell'UE è pari a 1,60 parti per donna nel 2016. Varia tra gli Stati membri da 1,34 in Spagna e in Italia a 1,92 in Francia. 

E' quanto emerge dai dati di Eurostat, l'ufficio statistico dell'Unione europea.

Nel 2016, la Francia (1,92 nati per donna) e la Svezia (1,85) erano i due Stati membri con il più alto tasso totale di fertilità nell'UE. Quindi Irlanda (1,81), Danimarca e Regno Unito (entrambi 1,79). Viceversa, i tassi di fertilità più bassi sono stati osservati in Spagna e in Italia (1,34 nati per donna), Portogallo (1,36), Cipro e Malta (entrambi 1,37), Grecia (1,38) e Polonia (1,39). L'età media più bassa per il primo parto è stata registrata in Bulgaria (26,0 anni), seguita da Romania (26,4), Lettonia (26,8), Slovacchia (27,0), Polonia (27,2) e Lituania (27,3). Al contrario, l'età della madre per il primo parto era superiore a 30 in Italia (31,0 anni), in Spagna (30,8), in Lussemburgo (30,5), in Grecia (30,3) e in Irlanda (30,1).

Le quote più alte di nascite di un primo figlio da madri adolescenti (meno di 20 anni) sono state registrate in Romania (14,2% delle nascite totali del primo figlio nel 2016), Bulgaria (13,6%) e Ungheria (10,8%), prima di Slovacchia (9,9%), Lituania (6,3%), Regno Unito (6,2%) e Lettonia (6,1%). D'altra parte, le quote più basse sono state osservate in Slovenia (1,6%), Italia (1,7%), Paesi Bassi (1,8%), Danimarca e Svezia (entrambi 1,9%), nonché a Lussemburgo (2,2%).
Al contrario, le percentuali più alte di nascite di un primo figlio da donne di 40 anni e più sono state registrate in Italia (7,2% delle nascite totali del primo figlio nel 2016), Spagna (6,6%), Grecia (5,3%), Lussemburgo (4,8 %) e Irlanda (4,3%).

Un altro indicatore di fertilità dell'UE riguarda le nascite del primo figlio e del secondo pari all'81,9% delle nascite totali, percentuale che scende al 12,2% per il terzo e il quarto mentre per i bimbi successivi si ferma al 5.9%.
Tra gli Stati membri dell'UE, la percentuale più elevata di madri con il quarto o successivo figlio è stata registrata in Finlandia (10,1%), seguita da Irlanda (9,0%), Regno Unito (8,5%), Slovacchia (8,1%), Romania ( 7,7%) e Belgio (7,6%).

Antonio Caperna

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.