IT   EN

Ultimi tweet

IL SEGRETO DEL RITOCCO ESTETICO PERFETTO? IL DENTISTA

Il segreto di un ‘ritocco perfetto’? Ristabilire prima di tutto la salute della bocca, cosa che può sensibilmente migliorare l’effetto di interventi di chirurgia estetici, dal lifting ai filler per ridurre le rughe o per aumentare il volume delle labbra.

 

Al contrario, non badare a questo aspetto può contribuire a ridurre notevolmente il risultato finale. Il consiglio di eseguire una visita dal dentista prima che dal chirurgo plastico è di Gaetano Calesinipast-presidente del’AIOP (Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica) membro della A.A.O. (American Academy of Osseointegration) e della S.I.O. (Società Italiana Osteointegrazione) e socio onorario della S.I.D.O.C. (Società Italiana di Odontoiatria Conservativa).

 

Calesini, che da quasi 50 anni esercita a Roma e il cui studio fa parte del prestigioso circuito mondiale "The Leading Dental Centers of the Word", spiega: “Un sorriso attraente, in una paziente donna ‘tipo’ di circa 40 anni, dovrebbe mostrare 3-4 millimetri di denti incisivi superiori. Quando si è giovani, questo è facile, naturale, ed è un effetto che colpisce l’interlocutore, conferendo un’immagine di salute e bellezza. Con l’età, i tessuti del viso tendono a cedere e a rilassarsi, per cui sono i denti inferiori a scoprirsi maggiormente. E a rimanere ‘in bella vista’ al posto di quelli superiori. L’effetto questa volta è di un’immagine senescente, a prescindere dall’invecchiamento cutaneo e quindi dalla presenza o meno di rughe”, spesso questa situazione è associata alla mancanza di alcuni denti posteriori (premolari e molari) e/o all’usura più o meno grave della dentatura residua.

 

Se la situazione di partenza è dunque questa, sottoporsi a interventi di chirurgia o medicina estetica (aumento del volume delle labbra, riduzione delle rughe del viso tramite filler o lifting) senza fare un ‘passaggio’ dal dentista può essere controproducente: “L’intervento odontoiatrico – avverte l'esperto - dovrebbe precedere sempre l’intervento chirurgico o di medicina estetica, che deve limitarsi a correggere i danni e gli inestesismi residui. Altrimenti non si fa altro che peggiorare la situazione. Dovrebbe dunque esserci sempre un’interazione tra chirurgo estetico e dentista”.  Secondo Calesini migliorare il proprio sorriso è comunque possibile a ogni età: “Si possono eseguire interventi odontoiatrici a fini estetici anche oltre i 70 anni, attraverso uno studio approfondito e personalizzato di ogni singolo caso”. 

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.