IT   EN

Ultimi tweet

Il Consiglio federale adotta la Strategia nazionale di vaccinazione

La protezione della popolazione dalle malattie infettive può essere ulteriormente migliorata. Per la loro prevenzione, il Consiglio federale ha adottato nella sua seduta dell' 11 gennaio 2017 una Strategia nazionale di vaccinazione (SNV), che intende ottimizzare la protezione vaccinale mediante tre aspetti chiave: rafforzamento del coinvolgimento degli attori, informazione della popolazione e facilitazione dell’accesso alle vaccinazioni.

 

La vaccinazione è uno dei mezzi più efficaci per proteggersi da malattie potenzialmente gravi come la difterite, il tetano, la poliomielite o il morbillo. Grazie alla qualità dei vaccini e a una copertura vaccinale elevata, alcune infezioni sono notevolmente diminuite o scomparse del tutto. Inoltre la vaccinazione permette di proteggere i gruppi vulnerabili, come i lattanti, gli anziani o le persone affette da immunodeficienze.
 
Nell’ambito dell’attuazione della SNV si prevede un aumento dell’importanza dei professionisti della salute. I medici saranno invitati ad affrontare il tema delle vaccinazioni sistematicamente con i loro pazienti e a provvedere affinché il loro stato vaccinale sia sempre aggiornato. Tutti gli altri attori, come i farmacisti o il personale di puericoltura e gli infermieri, saranno incoraggiati a fornire informazioni sulle vaccinazioni. A tale scopo la loro formazione e il loro perfezionamento saranno completati con nozioni specifiche.

Altrettanto importanti per ottimizzare la copertura vaccinale sono le informazioni fornite alla popolazione, che dovranno riflettere lo stato attuale delle conoscenze scientifiche ed essere chiare, trasparenti e adattate ai gruppi destinatari. Sarà inoltre incoraggiato l’uso del libretto di vaccinazione elettronico, affinché tutti possano individuare facilmente le vaccinazioni consigliate in base alla propria situazione.

La SNV prevede che i genitori siano sensibilizzati sulle vaccinazioni, per esempio quando iscrivono i loro figli a una struttura di custodia collettiva, o che possano disporre di un bilancio vaccinale per i loro figli in ambito scolastico. Dovrà essere possibile somministrare il vaccino in sedi diversificate e vicine ai beneficiari, come nelle scuole o in farmacia. L’accesso ai vaccini dovrà essere facilitato anche dal punto di vista economico. L’UFSP adotterà i provvedimenti necessari per esentare dalla franchigia le vaccinazioni a carico dell’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie. In particolare, questa misura dovrebbe incentivare i giovani adulti ad aggiornare il loro stato vaccinale.

La SNV fa parte della strategia «Sanità2020» del Consiglio federale, tra i cui obiettivi vi è quello di garantire alla popolazione un’elevata tutela della salute. Essa prevede la collaborazione della Confederazione, dei Cantoni e di altri attori ed è coordinata, tra l’altro, con la strategia contro le resistenze agli antibiotici (StAR). Vaccinarsi per evitare le malattie, infatti, significa anche ridurre il ricorso agli antibiotici. Il piano di attuazione delle diverse misure della SNV sarà definito nel 2017.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.