IT   EN

Ultimi tweet

I cambiamenti climatici stanno alterando la disponibilita' di acqua. Ricerca ETH Zurigo

La quantità e la posizione delle acque terrestri disponibili sta cambiando in tutto il mondo. Un gruppo di ricerca internazionale guidato da ETH Zurigo ha ora dimostrato per la prima volta che i cambiamenti climatici indotti dall'uomo sono responsabili dei cambiamenti osservati nelle acque terrestri disponibili.

L'acqua è la linfa vitale degli ecosistemi e una delle risorse naturali più importanti per gli esseri umani. Ma l'acqua terrestre disponibile - ovvero la quantità di acqua rimasta dalle precipitazioni dopo l'evaporazione - non è solo distribuita in modo diseguale su tutto il pianeta, ma sta anche cambiando nel tempo. Le osservazioni mostrano che il volume disponibile di acqua è diminuito in alcune regioni del mondo per alcuni decenni. Un esempio è l'Europa meridionale, dove l'aridità è in aumento. Ma in altre aree l'approvvigionamento idrico tende a salire.

Le cause di questo cambiamento nella disponibilità di acqua pongono una domanda urgente - e non solo per quei paesi che soffrono di gravi carenze idriche. La colpa è del cambiamento climatico antropogenico o sono semplicemente fluttuazioni casuali nel sistema climatico? Ad oggi, non esiste una risposta definitiva a livello globale.

Dinamica mondiale dell'acqua per 112 anni

È scientificamente indiscutibile che aumentate concentrazioni atmosferiche di CO 2 influenzano il complesso ciclo globale dell'acqua in vari modi. Ma fino ad ora è stato impossibile dimostrare un effetto diretto del riscaldamento globale sulle risorse idriche terrestri disponibili negli ultimi decenni. Le serie di osservazioni storiche, a volte troppo brevi e qualitativamente inadeguate, non hanno consentito l'esclusione della variabilità climatica naturale come causa dei cambiamenti osservati.

Ora, un team di ricerca internazionale guidato da Sonia Seneviratne, professore ETH di Land-Climate Dynamics, lo ha dimostrato. Come riportano gli scienziati nell'attuale edizione di Nature Geoscience, hanno ricostruito la disponibilità mondiale di acqua nel mese più secco degli anni tra il 1902 e il 2014 utilizzando modelli climatici e nuovi dati basati su osservazioni.

Per determinare come la disponibilità di acqua è cambiata nel tempo, i ricercatori hanno confrontato le risorse idriche ricostruite degli anni dal 1985 al 2014 con quelle della prima metà del 20 ° secolo. In questo modo hanno tracciato un modello globale di cambiamenti nell'acqua disponibile nel corso degli ultimi tre decenni. In questo modello, i ricercatori hanno trovato l'impronta digitale dei cambiamenti climatici.

Segnale climatico rilevato tramite simulazione

"Siamo stati in grado di dimostrare che questo modello globale di cambiamenti osservati è coerente con gli effetti dei cambiamenti climatici indotti dall'uomo ed è altamente improbabile che sia il prodotto di fluttuazioni naturali", afferma Ryan Padrón, postdoc del gruppo Seneviratne e autore principale di lo studio.

Non è possibile dimostrare l'effetto del cambiamento climatico direttamente in una serie di osservazioni. Per verificarne il ruolo, il team ha utilizzato il cosiddetto metodo di attribuzione. Ciò comporta un confronto tra serie osservative e simulazioni di modelli climatici calcolati sia con che senza emissioni di CO 2 prodotte dall'uomo. "Se solo le simulazioni modello con influenza umana sono in accordo con il modello dei cambiamenti osservati, come nel caso qui, possiamo concludere che una risposta ai cambiamenti climatici è verificabile nelle osservazioni", spiega Padrón.

Stagioni asciutte e asciutte nelle aree extratropicali

Seneviratne aggiunge: “Il nostro studio è il primo a stabilire a livello globale la connessione tra la disponibilità di acqua durante le stagioni secche, che è così importante per la società e gli ecosistemi, e il cambiamento climatico indotto dall'uomo. I risultati mostrano anche una tendenza verso una maggiore aridità nelle medie latitudini settentrionali - che includono, ad esempio, la Svizzera - dove le condizioni sono diventate più secche nei mesi estivi. "

In generale, i dati sulla disponibilità di acqua ricostruita indicano stagioni secche più intense a latitudini extratropicali. Le regioni interessate includono Europa, Nord America occidentale, Asia settentrionale, Sud America meridionale, Australia e Africa orientale. I ricercatori osservano che la maggiore intensità delle stagioni secche è generalmente causata da una maggiore evaporazione (dovuta a temperature e radiazioni più elevate) piuttosto che a una riduzione delle precipitazioni.

Ma ci sono anche regioni in cui il volume di acqua disponibile è aumentato nelle stagioni secche, compresi l'interno della Cina, il sud-est asiatico e la regione del Sahel.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.