IT   EN

Ultimi tweet

Humanitas: ricerca e cura a km 0. Nasce il primo Centro in Italia per le malattie immuno-infiammatorie

In occasione della Giornata internazionale dell’Immunologia, Humanitas presenta l’Immuno Center, il primo Centro italiano per le malattie immuno-infiammatorie, che offre un percorso di cura integrato e multisciplinare ai pazienti affetti da patologie legate a un malfunzionamento del sistema immunitario.

I meccanismi dell’immunità e dell’infiammazione sono infatti legati a malattie fra loro molto diverse, come la malattia di Crohn, l’asma bronchiale, la psoriasi, l’artrite reumatoide o il lupus, che registrano un’incidenza annua in costante crescita, molte delle quali colpiscono soprattutto le donne. Si tratta di patologie molto diffuse: le malattie infiammatorie croniche intestinali colpiscono circa 200.000 persone, quasi il 25% della popolazione convive con una forma di allergia e il 6% con l’asma. Infine, le malattie reumatiche infiammatorie colpiscono tra l’1 e il 2% della popolazione mentre quelle dermatologiche l’8% circa.

Per questo tipo di patologie sono stati fatti molti passi avanti nella cura dei sintomi, ma molto è ancora da fare per capirne l’origine: fondamentale, dunque, continuare a investire nella ricerca, per poter intervenire prima che insorgano. “Grazie alla miglior conoscenza dei meccanismi di comunicazione del sistema immunitario - spiega il prof. Alberto Mantovani, direttore scientifico di Humanitas e docente di Humanitas University - abbiamo fatto grandi progressi nel controllo delle malattie autoimmuni e infiammatorie.

Humanitas ha avuto un ruolo importante in questi progressi, dal punto di vista della ricerca sia clinica sia preclinica. Di fronte a noi, però, abbiamo ancora sfide importanti: la personalizzazione delle terapie, l’approccio integrato al paziente, lo sviluppo di nuove strategie diagnostiche e terapeutiche e, soprattutto, la rieducazione del sistema immunitario che sbaglia bersaglio e si dirige contro se stesso. Una conquista fondamentale che non può prescindere dalla ricerca, sia in laboratorio sia al letto del paziente”.

Molte patologie, un percorso di cura integrato

I pazienti che soffrono di malattie autoimmuni e infiammatorie spesso non sono affetti da una sola di queste patologie: necessitano dunque di una visione integrata e trasversale della propria condizione di salute, oltre che di diagnosi e cure personalizzate e innovative. Per questo Humanitas Immuno Center, concepito in un’ottica di Medicina di precisione, integra la ricerca con le competenze cliniche in Gastroenterologia con il prof. Silvio Danese, Pneumologia e Allergologia con il prof. Giorgio Walter Canonica, Dermatologia con il prof. Antonio Costanzo e Reumatologia con il prof. Carlo Selmi.

Il Centro per le malattie immuno-infiammatorie: binomio di clinica e ricerca

Lo stretto legame tra ricerca e attività clinica consente di trasferire più velocemente dal laboratorio al letto del paziente le ultime scoperte, come la sperimentazione di nuovi marcatori per diagnosticare e monitorare la malattia: i pazienti possono così beneficiare di un più facile accesso a nuove terapie, trasversali a diverse  patologie.

“Le malattie infiammatorie croniche intestinali, ad esempio - commenta il prof. Silvio Danese, coordinatore dell’Immuno Center, responsabile del Centro Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali e docente Humanitas University - hanno meccanismi molecolari comuni alle patologie infiammatorie della pelle e delle articolazioni. La comprensioni di tali complessi meccanismi fornisce la base per l'innovazione terapeutica attraverso i nuovi farmaci biologici, che permettono di trattare contemporaneamente infiammazione presente in organi diversi”. I pazienti che presentano più localizzazioni di organo sono a più alto rischio di comorbidità ed è quindi fondamentale controllare l’infiammazione spegnendola.

 

Pelle e malattie reumatiche: perché il paziente è al centro

“La pelle è spia di numerose malattie sistemiche - spiega il prof. Antonio Costanzo, responsabile della Dermatologia dell’ospedale e docente Humanitas University - e l’infiammazione cutanea può favorire la comparsa di malattie cardiovascolari, reumatologiche e dell’apparato respiratorio. Per questi motivi il paziente con malattie infiammatorie cutanee come psoriasi, dermatite atopica o orticaria, deve essere gestito dal dermatologo assieme ad un team multidisciplinare di professionisti”.

“Le malattie reumatiche sono spesso sistemiche, ossia possono colpire organi diversi - spiega il prof. Carlo Selmi, responsabile di Reumatologia dell’ospedale e docente dell’Università degli Studi di Milano -. I pazienti affetti da artrite, ad esempio, frequentemente sviluppano psoriasi, malattie infiammatorie intestinali ed infiammazione polmonare. Fondamentale, dunque, mettere il paziente al centro di una visione clinica globale, per seguirlo a 360 gradi così da garantirgli cure più efficaci e personalizzate che prevengano le disabilità”.

“La moderna Pneumologia necessita di un team multidisciplinare per una gestione ottimale del paziente asmatico o affetto da altra malattia infiammatoria polmonare - commenta il prof. Giorgio Walter Canonica, responsabile del Centro di Medicina Personalizzata: Asma e Allergie di Humanitas e docente Humanitas University. “Lo pneumologo-allergologo applica la Medicina di Precisione, che bersaglia con farmaci biologici il meccanismo da cui origina la malattia e che spesso è comune a più patologie di differenti organi. Applica inoltre la Medicina Personalizzata, che mette al centro il paziente, fruendo dell’apporto del dermatologo, del gastroenterologo e del reumatologo”.

L’attenzione alla malattie di genere

Le malattie autoimmuni e infiammatorie sono sempre più diffuse e possono essere considerate paradigma delle malattie di genere. Ne è un esempio l’artrite reumatoide, che ha un’incidenza di 7:1 rispetto agli uomini. La decisione di aprire il Centro conferma la volontà di Humanitas di prestare particolare attenzione a prevenzione, diagnosi e cura delle patologie femminili, come dimostra l’ottenimento per il terzo anno consecutivo dei bollini rosa conferiti da O.N.Da, Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna per il Progetto Ospedale Donna. 

 

Alcune malattie trattate dal Centro

  • Gastroenterologia: malattie infiammatorie dell'intestino, ovvero malattia di Crohn, colite ulcerosa, colite indeterminata e coliti microscopiche (colite linfocitica, colite collagena, coliti eosinofile);
  • Dermatologia: psoriasi, dermatite atopica del bambino e dell’adulto; orticaria, idrosadenite suppurativa, sclerodermia, lupus cutaneo e le malattie autoinfiammatorie;
  • Pneumologia: asma bronchiale, flogosi allergica, eosinofilie distrettuali e sistemiche (che includono anche la poliposi), EGPA - Churg-strauss syndrome, mastocitosi, Bronco Pneumopatia Cronica Ostruttiva
  • Reumatologia: artrite reumatoide e spondiloartriti (psoriasica ed associata ad IBD), connettiviti (lupus, sclerosi sistemica, miositi, sindrome di Sjögren).

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.