IT   EN

Ultimi tweet

HCV: novita' nelle sperimentazioni AbbVie per la terapia dell' Epatite C. #ILC2015 #LiverHome

AbbVie ha annunciato i nuovi dati preliminari di sicurezza ed efficacia generati dalla prima coorte della sua sperimentazione di Fase 3b RUBY-I  che è tuttora in corso.

Questa sperimentazione intende valutare il regime VIEKIRAX® (ombitasvir/paritaprevir/ritonavir compresse) + EXVIERA® (dasabuvir compresse), con o senza ribavirina (RBV) in pazienti affetti da epatite C cronica di genotipo 1, non cirrotici, che non hanno mai ricevuto trattamento pregresso anti-HCV (i cosiddetti pazienti naïve al trattamento) e che presentano insufficienza renale severa (nefropatia di stadio 4 oppure 5), compresi i soggetti emodializzati. L’endpoint primario della sperimentazione è rappresentato dalla percentuale di pazienti che ottengono la risposta virologica sostenuta 12 settimane dopo la fine del trattamento (SVR12).

Tutti i pazienti che alla data attuale hanno completato la quarta settimana dopo la fine del trattamento (ovvero 10 sui 20 pazienti arruolati) hanno ottenuto la risposta SVR4, ovvero la risposta virologica sostenuta quattro settimane dopo la fine del trattamento (n=10/10).1   La sperimentazione RUBY-I è stata presentata durante la sessione Late-Breaker del congresso The International Liver Congress ™ (ILC) 2015, il 50esimo meeting annuale della EASL (European Association for the Study of the Liver) che si è svolto a Vienna, Austria.

 

“Il trattamento dei pazienti con epatite C che presentano compromissione renale di grado grave può essere problematico, soprattutto nei soggetti emodializzati,” afferma il dottor Paul J. Pockros, Direttore del centro Liver Disease Center Scripps Clinic e del centro di ricerca dello Scripps Translational Science Institute,  La Jolla, California (Stati Uniti).

“In considerazione del numero limitato di dati attualmente disponibili relativi a sicurezza ed efficacia dei regimi di trattamento privi di interferone nei pazienti con compromissione renale, i risultati preliminari osservati nella sperimentazione RUBY-I dedicata a questa popolazione di pazienti, molto spesso difficili da trattare,  mostrano promettenti tassi iniziali di risposta SVR ottenuti dal regime VIEKIRAX + EXVIERA.”

 

Inoltre, a oggi, nessuno dei pazienti arruolati nella sperimentazione RUBY-I ha presentato fallimento virologico1. Secondo le analisi preliminari di sicurezza, gli eventi avversi associati al trattamento con VIEKIRAX + EXVIERA, con o senza RBV, manifestati in questi pazienti sono per la maggior parte di entità lieve o moderata: i più comuni (che si sono manifestati in > 20% dei soggetti) sono stati anemia, affaticabilità, diarrea, nausea, capogiri e mal di testa1.   A oggi, 8 su 13 i pazienti con infezione da HCV di genotipo 1a hanno interrotto la somministrazione di RBV1.

 

“La sperimentazione RUBY-I fa parte del vasto programma di Fase 3b di AbbVie, a testimonianza del nostro continuo impegno a risolvere le specifiche esigenze dei pazienti con epatite C,” spiega il dottor Scott Brun, Vice Presidente, Pharmaceutical Development di AbbVie. “Grazie alle sperimentazioni del nostro programma di Fase 3b, saremo in grado di approfondire la nostra conoscenza dell’utilità di VIEKIRAX + EXVIERA nelle popolazioni speciali che si osservano nella realtà clinica.”

 

AbbVie ha in aggiunta presentato in occasione del congresso ILC 2015 i dati di altre sue sperimentazioni di Fase 3b (MALACHITE-I e MALACHITE-II), e illustrato il disegno sperimentale degli studi TOPAZ-I e TOPAZ-II.  Le sperimentazioni MALACHITE coinvolgono pazienti adulti non cirrotici affetti da infezione cronica da HCV di genotipo 1 e prevedono il confronto fra il regime VIEKIRAX + EXVIERA con o senza RBV ed il regime a base di telaprevir, interferone peghilato e RBV, che rimane tuttora lo standard di cura in numerose regioni mondiali2,3 . Le sperimentazioni TOPAZ valuteranno l’effetto della risposta SVR12 sugli esiti nel lungo periodo, ovvero cinque anni dopo la conclusione del trattamento con VIEKIRAX + EXVIERA, con o senza RBV, in soggetti adulti affetti da infezione cronica da HCV di genotipo 1 e 4.

 

 

Informazioni relative alla sperimentazione RUBY-I

La sperimentazione RUBY-I, caratterizzata da un  disegno multicentrico, in aperto e di Fase 3b, che è tuttora in corso e include due coorti di pazienti, intende valutare sicurezza ed efficacia di 12 o 24 settimane di trattamento con VIEKIRAX® + EXVIERA®, con o senza ribavirina, in base al sotto genotipo, in pazienti adulti affetti da infezione cronica da virus dell’epatite C di genotipo 1, naïve al trattamento e con insufficienza renale severa (nefropatia cronica di stadio 4, ovvero in fase predialitica) oppure insufficienza renale terminale (nefropatia cronica di stadio 5, con necessità di emodialisi), con o senza cirrosi compensata1.

La Coorte 1 consiste di 20 pazienti non cirrotici, mentre la Coorte 2 arruolerà circa 20 pazienti, con o senza cirrosi compensata. Per tutti i pazienti con infezione HCV di genotipo 1a è prevista l’aggiunta di ribavirina, alla dose iniziale di 200 mg una volta al giorno, somministrata per la prima volta quattro ore prima dell’inizio della prima sessione di emodialisi.

 

Ulteriori risultati generati dalla sperimentazione, inclusi i dati relativi ai pazienti della Coorte 2, saranno presentati in occasione di futuri congressi scientifici.

 

 

Informazioni relative a VIEKIRAX® + EXVIERA®

Il regime a base di VIEKIRAX + EXVIERA è attualmente approvato in Europa per il trattamento dei soggetti affetti da epatite cronica sostenuta dal virus dell’epatite C di genotipo 1, compresi i pazienti con cirrosi compensata. VIEKIRAX è approvato in Europa per il trattamento dell’epatite cronica sostenuta dal virus dell’epatite C di genotipo 4.

 

VIEKIRAX consiste nella combinazione a dose fissa di paritaprevir 150mg (inibitore della proteasi NS3/4A) e ritonavir 100mg in associazione a ombitasvir 25mg (inibitore del NS5A), somministrato una volta al giorno, mentre EXVIERA consiste di dasabuvir 250mg (inibitore non nucleosidico della polimerasi NS5B) somministrato due volte al giorno, con o senza ribavirina (quest’ultima somministrata due volte al giorno). Il trattamento VIEKIRAX + EXVIERA con o senza RBV dura 12 settimane per tutti i pazienti, ad eccezione dei soggetti con infezione da HCV di genotipo 1a e cirrosi compensata, il cui trattamento ha una durata di 24 settimane3.

Il regime di AbbVie per il trattamento dei pazienti affetti da epatite cronica C con genotipo 4 prevede la combinazione di VIEKIRAX somministrato una volta al giorno e RBV, somministrata due volte al giorno.

Paritaprevir è stato scoperto nell’ambito dell’attuale collaborazione tra AbbVie ed Enanta Pharmaceuticals (NASDAQ: ENTA), focalizzata sugli inibitori della proteasi per l’epatite C e su regimi che includono inibitori della proteasi. Paritaprevir è stato sviluppato da AbbVie per l’uso in associazione ad altri farmaci sperimentali nel trattamento dell’epatite cronica C.

il Programma di sviluppo clinico HCV di AbbVie

L’obiettivo del programma di sviluppo clinico anti-HCV di AbbVie è da sempre quello di migliorare le conoscenze scientifiche e l'assistenza clinica, studiando regimi di trattamento senza interferone completamente orali, con e senza ribavirina, in grado di ottenere alti tassi di risposta virologica sostenuta nel maggior numero possibile di pazienti. Grazie al suo programma globale di Fase 3B, AbbVie prevede di valutare oltre 2.800 pazienti affetti da HCV di genotipo 1 presso più di 200 centri sperimentali in tutto il mondo, compresi Stati Uniti, Canada, Europa, Russia e Brasile. I dati relativi ai pazienti con compromissione renale grave, compresi i pazienti emodializzati, sono stati presentati al congresso ILC.

Il programma anti-HCV di Fase 3b di AbbVie include inoltre sperimentazioni su pazienti con cirrosi, non compensata e compensata. I dati generati da queste sperimentazioni saranno presentati in occasione di futuri congressi scientifici.

References:

1 Pockros P, et al. Safety Of Ombitasvir/Paritaprevir/Ritonavir Plus Dasabuvir For Treating HCV GT1 Infection In Patients With

Severe Renal Impairment Or End-stage Renal Disease: The RUBY-I Study. Presented at the 50th International Liver Congress (ILC);

April 22-26; Vienna, Austria

2 Conway B, et al. MALACHITE-I: Phase 3b Trial Of Ombitasvir/Paritaprevir/R And Dasabuvir +/-Ribavirin Or Telaprevir +

Peginterferon/Ribavirin In Treatment-naïve Adults With HCV Genotype 1. Abstract presented at the 50th International Liver

Congress (ILC); April 22-26; Vienna, Austria

3 Dore G, et al. MALACHITE-II: Phase 3b Trial Of Ombitasvir/Paritaprevir/R And Dasabuvir + Ribavirin Or Telaprevir +

Peginterferon/Ribavirin In Peginterferon/Ribavirin Treatment-experienced Adults With HCV Genotype 1. Abstract presented at

the 50th International Liver Congress (ILC); April 22-26; Vienna, Austria

4 Dumas E, et al. Phase 3b Studies To Assess Long-term Clinical Outcomes In HCV GT1-infected Patients Treated With

Ombitasvir/Paritaprevir/Ritonavir And Dasabuvir With Or Without Ribavirin. Abstract presented at the 50th International Liver

Congress (ILC); April 22-26; Vienna, Austria.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.