IT   EN

Ultimi tweet

Gli uomini con diabete di tipo 2 a esordio giovanile sono a piu' alto rischio di retinopatia #EASD2021

Una nuova ricerca presentata al Meeting annuale dell'Associazione europea per lo studio del diabete (EASD) ha scoperto che gli uomini, a cui viene diagnosticato il diabete di tipo 2 (T2D) in giovane età, hanno maggiori probabilità di sviluppare retinopatia rispetto a quelli diagnosticati da over50.

Gli uomini con diagnosi di diabete di tipo 2 prima dei 40 anni avevano il 72% di probabilità in più di avere la retinopatia rispetto ai maschi che avevano il diabete di tipo 2 per lo stesso periodo di tempo ma erano stati diagnosticati all'età più tipica di 50 anni o più.

La retinopatia è una complicanza comune del diabete in cui il danno ai vasi sanguigni della retina può portare alla cecità.

Il diabete di tipo 2, la forma più comune di diabete, di solito si verifica nelle persone di mezza età e negli anziani. Tuttavia, l'esordio in età più giovane sta diventando più comune a livello globale.

La dott.ssa Katrina Tibballs e i colleghi dell'Università di Oslo, in Norvegia, hanno analizzato i dati delle cartelle cliniche di 10.242 persone con diabete di tipo 2. per scoprire la prevalenza del diabete giovanile in Norvegia e per esplorare la relazione tra età alla diagnosi e complicanze.

Il set di dati era rappresentativo per la Norvegia e l'età media alla diagnosi di diabete di tipo 2 tra tutti i partecipanti era di 56 anni. 980 (10,2%) avevano il diabete ad esordio giovanile (diagnosi in under 40) e la loro età media alla diagnosi era di 33,3 anni. Questo gruppo aveva il diabete di tipo 2 per 11,4 anni, in media al momento dello studio ed era il 55,6% di sesso maschile. Il 15,5% aveva retinopatia.

Il loro rischio di retinopatia e malattia coronarica, un'altra complicanza del diabete di tipo 2, è stato confrontato con un gruppo di 6.627 persone a cui è stato diagnosticato il diabete di tipo 2 di età superiore ai 50 anni (insorgenza normale di diabete di tipo 2).

L'età media alla diagnosi in questo gruppo era 62,7. Questo gruppo aveva il diabete di tipo 2 per 7,8 anni, in media, al momento dello studio, ed era il 53,4% di sesso maschile. Il 5,9% aveva retinopatia.

Quelli diagnosticati prima dei 40 anni avevano, in media, un più alto HbA1c (livello medio di zucchero nel sangue) alla diagnosi rispetto a quelli diagnosticati dopo i 50 (7,6% contro 6,9%).

In quelli con diabete di tipo 2 a esordio giovanile, i livelli di HbA1c erano più alti già dal momento della diagnosi di diabete, ma aumentavano anche più rapidamente nel tempo. In altre parole, se due persone avessero il diabete di tipo 2 per lo stesso periodo di tempo, i livelli di HbA1c sarebbero probabilmente più alti in quello diagnosticato in età più giovane.

Il rischio di malattia coronarica era più fortemente legato all'età in entrambi i gruppi che alla durata del diabete. Il rischio di retinopatia, tuttavia, aumenta con la durata del diabete, con un rischio che aumenta in modo particolarmente marcato nei soggetti con diabete di tipo 2 a esordio giovanile.

Quando altri fattori rilevanti, tra cui la durata del diabete, l'HbA1c, l'età attuale, il BMI e la pressione sanguigna sono stati considerati e aggiustati, gli uomini con diabete ad esordio giovanile avevano il 72% di probabilità in più di avere retinopatia rispetto a quelli con diabete di tipo 2 a esordio normale.

A differenza degli uomini con diabete di tipo 2 a esordio giovanile, le donne con diabete di tipo 2 a esordio giovanile non erano a rischio significativamente più elevato di retinopatia rispetto a quelle con diabete di tipo 2 a esordio normale, dopo aver preso in considerazione tutti i fattori sopra menzionati.

L'analisi ha anche mostrato che la retinopatia si è sviluppata prima dopo la diagnosi negli uomini ma non nelle donne, con T2D a esordio giovanile rispetto a T2D a esordio normale.

Gli autori dello studio affermano che la diagnosi può avere maggiori probabilità di essere ritardata nei maschi, che tendono a visitare il proprio medico di famiglia meno spesso rispetto alle femmine. Ciò significherebbe che il loro diabete di tipo 2 è rimasto incontrollato più a lungo, aumentando il rischio di complicanze. 

Inoltre, il T2D ad esordio giovanile può essere una forma più aggressiva della condizione. Il T2D si verifica quando le cellule beta del pancreas non riescono a produrre abbastanza insulina (un ormone che aiuta a trasformare lo zucchero nel cibo in energia) o l'insulina prodotta non funziona correttamente (fenomeno noto come "resistenza all'insulina").

I ricercatori affermano che i livelli medi di zucchero nel sangue più alti riscontrati in quelli con diabete di tipo 2 a esordio giovanile potrebbero essere un segno di un deterioramento più rapido delle cellule che producono insulina e quindi una forma più grave della condizione.

“È importante che il diabete di tipo 2 a esordio giovanile venga rilevato abbastanza presto e trattato adeguatamente per ridurre la probabilità di retinopatia e altre complicanze -sottolinea il dottor Tibballs, medico di base e studente di dottorato-Le attuali linee guida sulla prevenzione e il trattamento del diabete dovrebbero essere aggiornate, per riflettere il maggior rischio di complicanze nei soggetti con diabete ad esordio giovanile, in particolare l'elevato rischio di retinopatia negli uomini".

Antonio Caperna

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.