IT   EN

Ultimi tweet

Frenare l' evoluzione del 'fegato grasso'. Le ultime ricerche al congresso #EASL #ILC2020

Poiché le epidemie globali di obesità e NAFLD continuano a crescere, è più importante che mai sviluppare nuove terapie e strategie di trattamento efficaci per affrontare NAFLD (steatosi epatica non alcolica) e NASH (steatoepatite non alcolica). 

Sono stati riportati risultati promettenti per l'analogo FGF19 aldafermin (NGM282) ingegnerizzato nel trattamento della NASH: nell'arco di 24 settimane, i pazienti trattati con aldafermin hanno sperimentato miglioramenti significativi e duraturi nel contenuto di grasso epatico, fibrosi e istologia NASH rispetto a quelli trattati con placebo.

Un altro studio di fase 2b randomizzato e controllato su 392 pazienti con fibrosi avanzata ha mostrato che la terapia di combinazione con cilofexor 30 mg / firsocostat 20 mg per 48 settimane è stata ben tollerata e ha migliorato sia la fibrosi che l'attività della NASH.
 
La malattia epatica alcolica (ALD) rimane la principale causa di danno epatico nei paesi occidentali. Una terapia emergente per l'epatite alcolica grave (SAH) è il trapianto di fegato precoce (eLT), ma abbiamo bisogno di studi robusti per fornire dati affidabili sulla sua efficacia. Il primo studio prospettico controllato in questo campo ha mostrato che, mentre i tassi di sopravvivenza erano alti (~ 89%), i pazienti con SAH che non rispondevano al trattamento medico e selezionati per eLT avevano maggiori probabilità di recidiva rispetto ai pazienti che hanno ricevuto il trapianto per cirrosi alcol-correlata dopo 6 mesi di astinenza (34% vs 25%). Gli autori di uno studio di associazione genome-wide per la cirrosi alcol-correlata suggeriscono che ulteriori indagini su due nuovi SNP, identificati come modulanti il ??rischio di cirrosi alcol-correlata, sono giustificate.
 
Altri punti salienti e sviluppi incoraggianti riportati in questa sessione:

  • Lo studio Stop-NUC - il primo studio randomizzato su larga scala del suo genere - mostra il potenziale dell'interruzione degli analoghi nucleos (t) ide a lungo termine per l'induzione di un controllo immunitario durevole e la cura funzionale in pazienti con epatite B cronica HBeAg-negativa
  • Lo studio UK ATTIRE non supporta infusioni basate sul peso mirate di una soluzione di albumina umana al 20% rispetto alle cure standard per la gestione della cirrosi scompensata ospedalizzata
  • Lo studio di fase 3 APROH mostra che la radioterapia a fascio di protoni era non inferiore per la sopravvivenza libera da progressione locale nei pazienti con carcinoma epatocellulare ricorrente
  • I dati dello studio INDIGO supportano l'uso di maralixibat a lungo termine come possibile alternativa alla chirurgia per i bambini con colestasi intraepatica familiare progressiva dovuta al deficit della pompa di esportazione dei sali biliari.

info news ILC EASL: http://www.salutedomani.com/categ/gastroenterologia

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.