IT   EN

Ultimi tweet

Forti piogge in Svizzera: la Confederazione annuncia pericolo di piena

In seguito alle precipitazioni superiori alla media del mese di luglio il livello delle acque della maggior parte dei corsi d’acqua e dei laghi svizzeri è salito fino a raggiungere un pericolo di piena da moderato a, in parte, marcato. Nelle prossime 24 ore si registreranno forti piogge in Ticino, nel Vallese, nel Giura e sul versante nordalpino occidentale e centrale.

 

A seconda di tali precipitazioni, alcuni corsi d’acqua di queste regioni possono raggiungere un grado di pericolo di piena marcato. Sussiste anche un pericolo di frane. L’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) riesamina di continuo la situazione generale e informa sull’evoluzione.

Nel corso di lunedì, una depressione d'altitudine proveniente dalla Francia e il fronte freddo associato raggiungeranno la Svizzera. Le correnti meridionali in quota convoglieranno aria molto umida in direzione del versante sudalpino e le regioni confinanti, causando nuove precipitazioni intense, in una prima fase anche a carattere temporalesco. Tra lunedì mattina e martedì mattina le precipitazioni toccheranno gran parte del versante nordalpino, del Giura, del Vallese e della regione del San Gottardo, così come parte del Ticino. Sono probabili quantitativi fra 50 e 80 millimetri.

All'inizio delle precipitazioni, il limite delle nevicate si situa a circa 3200 metri e martedì mattina scenderà fino a 2400-2700 metri al nord, mentre resterà attorno ai 3000 metri al sud.

In seguito alle precipitazioni del mese di luglio, un pericolo di piena moderato vige in numerose regioni della Svizzera. Le precipitazioni previste causeranno un ulteriore aumento delle portate e dei livelli dei laghi in particolare in Ticino, nel Vallese, nel Giura e lungo il versante nordalpino occidentale e centrale. Le allerte per pericolo di piena dei corsi d'acqua piccoli e medi del Vallese e del versante nordalpino occidentale e centrale vengono ora estese anche al Ticino e al Giura. Un forte aumento delle portate è possibile in particolare nei corsi d'acqua dell'Alto Vallese e dell'Oberland bernese, della Svizzera centrale, della regione del Napf e nella Valle Maggia. A seconda dell'evoluzione delle precipitazioni, alcuni corsi d'acqua di queste regioni possono raggiungere un pericolo di piena marcato nella notte su martedì.

L'UFAM osserva e valuta di continuo la situazione. Inoltre rimane in stretto contatto con le autorità cantonali, le quali, congiuntamente alle autorità locali, sono in grado di gestire questi eventi grazie alle carte dei pericoli disponibili e ai piani di emergenza allestiti. Le istruzioni delle autorità locali sono vincolanti.

Commenta questo articolo:

*
Il tuo indirizzo email non sarà visibile agli altri utenti.
Il commento sarà pubblicato solo previa approvazione del webmaster.